inglese politici
|

Come parlano l’inglese i politici italiani: promossi e bocciati | VIDEO

Si avvicina la data del 4 marzo e, in uno scenario internazionale di crescente complessità, l’inglese rimane il tallone d’Achille di molti politici italiani. In vista delle imminenti elezioni, l’accademia online ABA English ha esaminato il livello d’inglese dei principali candidati e leader, realizzando un video che mette a confronto l’inglese dei protagonisti della politica italiana attuale. La valutazione, svolta dal dipartimento accademico di ABA English diretto dall’italiana Maria Perillo, ha preso in considerazione tutte le occasioni in cui i politici esaminati si sono cimentati con la lingua inglese in interviste e discorsi pubblici. Il giudizio si è basato sulla pronuncia, proprietà di linguaggio, grammatica, e ha premiato chi ha dimostrato di saper parlare senza l’aiuto di un testo scritto.

Guarda il video:

In molti casi, le candidate superano i colleghi maschi: promosse a pieni voti Emma Bonino, la Presidente della Camera Laura Boldrini e la sindaca di Roma Virginia Raggi, inclusa nella classifica pur non essendo in corsa per il parlamento. Anche l’attuale premier Paolo Gentiloni passa il test d’inglese.

Vengono invece rimandati a settembre i leader dei principali partiti, tra cui Matteo RenziLuigi Di MaioSilvio Berlusconi e Matteo Salvini. Mancano all’appello Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia) e il Presidente del Senato Pietro Grasso (Liberi e Uguali), di cui non sono reperibili video che documentino la loro conoscenza della lingua.