Federico Pellegrino
|

PyeongChang 2018, è una giornata splendida: Federico Pellegrino è d’argento

Ubriachi di felicità, dopo aver messo a referto la medaglia d’oro di Arianna Fontana nello short track, Federico Pellegrino strappa un’altra medaglia a queste olimpiadi invernali di PyeongChang 2018. È una argento incredibile. Nello sprint a tecnica classica dello sci di fondo, l’atleta azzurro conferma il grandissimo momento di forma attraversato anche in questa stagione di avvicinamento all’evento olimpico e conquista la terza medaglia olimpica per l’Italia.

LEGGI ANCHE > PyeongChang 2018, Arianna Fontana vince la medaglia d’oro

FEDERICO PELLEGRINO, L’ARGENTO ERA IL MASSIMO POSSIBILE

Pellegrino ha dovuto affrontare il fortissimo norvegese Klaebo (miglior tempo di ingresso in finale con 3:06.01), il russo Bolshunov (OAR), il norvegese Goldberg, il finlandese Hakola e lo svedese
Svensson. La sensazione è che il fondista azzurro non abbia forzato particolarmente nelle fasi preliminari all’accesso in finale, per dare tutto nell’ultima prova.

Klaebo – già sconfitto da Pellegrino in stagione – si era presentato a questa finale come il favorito numero uno e ha confermato le attese. L’azzurro ha fatto la sua gara contro il russo Bolshunov, agguantandolo nelle fasi in salita dello stadio del fondo, affiancandolo nell’ultima parte e bruciandolo allo sprint per il secondo fotofinish di giornata: l’argento è stato strappato per soli 2 centesimi.

Grande lettura di gara da parte di Pellegrino, che aveva messo in conto lo strapotere di Klaebo e ha dato il tutto per tutto per arrivare a medaglia. Una tattica vincente, che ha pagato con il massimo possibile. Ora, attendiamo il valdostano nella prova in coppia con il connazionale Dietmar Noeckler.

FEDERICO PELLEGRINO, LA CLASSIFICA FINALE

ORO: Johannes Klaebo (NOR) 3:05.75
ARGENTO: Federico Pellegrino (ITA) +1.34
BRONZO: Alexander Bolshunov (OAR) +1.36
4 Paal Golgberg (NOR) +3.81
5 Oskar Svensson (SWE) +7.73
6 Ristomatti Hakola (FIN) +20.72

(Credit Image: © Carl Sandin/Bildbyran via ZUMA Press)