Meta Moro
|

Sanremo 2018, Meta-Moro il caso è chiuso: rientrano in gara

Il caso è chiuso. Sanremo 2018 riammette in gara Fabrizio Moro ed Ermal Meta, con la loro canzone Non mi avete fatto niente. Nella giornata di ieri, il duo era stato sospeso (dovevano esibirsi ieri sera, ma la loro performance è stata rinviata) a causa della presunta mancata conformità del brano al regolamento della rassegna canora.

LEGGI ANCHE > Ermal Meta e Fabrizio Moro sospesi rispondono alle accuse di plagio

META MORO, LA DECISIONE DI SANREMO 2018

Il comunicato è arrivato pochi minuti fa. La direzione del Festival di Sanremo 2018 ha decretato che «a seguito delle valutazioni effettuate, la Rai ritiene che non si debba escludere dalla gara la canzone di Ermal Meta e Fabrizio Moro, in quanto conforme al requisito di novità previsto dal regolamento».

Secondo la Rai «Non mi avete fatto niente contiene stralci del brano ‘Silenzio’ (presentato a Sanremo Giovani nel 2016) in misura inferiore a un terzo delle durata, quindi la circostanza che il brano sia stato già fruito non inficia la novità della canzone in gara». La somma degli stralci, infatti, non supera il minuto e 3 secondi su un totale di tre minuti e 24 secondi.

META MORO “AMAREGGIATI: QUESTA VICENDA CI PENALIZZA”

Visibilmente amareggiati, Ermal Meta e Fabrizio Moro si sono presentati ai giornalisti, dopo la decisione della Rai di farli rimanere in gara. “Questa vicenda ci ha un po’ penalizzato ai fini del festival. Quando la gente sente la parola plagio – sottolinea Moro – si ferma, prende le distanze, non va ad approfondire e quindi rimane comunque una macchia, anche se plagio non è”. L’importante per il cantautore romano è che “comunque siamo in gara”.

META MORO, LA PROTESTA DEI SOCIAL

Problema risolto, dunque, per la gioia dei numerosi fan dei due cantautori e interpreti: nelle scorse ore c’era stata una vera e propria sollevazione popolare sui social network in difesa dei due artisti. Questa sera, Fabrizio Moro ed Ermal Meta torneranno a esibirsi sul palco dell’Ariston.

(FOTO:  ANSA/CLAUDIO ONORATI)