Fabbricini-Malagò
|

Fabbricini-Malagò: la coppia che traghetterà il calcio italiano

Ci sarà una nuova coppia a guidare il calcio italiano verso la sua totale riforma. Si tratta di Roberto Fabbricini e di Giovanni Malagò, già ai vertici del Coni, il primo come commissario straordinario della Figc, il secondo come commissario straordinario della Lega Calcio. La decisione si è resa necessaria dopo il fallimento dell’elezione di un presidente federale e in seguito al vuoto lasciato al vertice della compagine che raccoglie tutte le squadre di Serie A.

LEGGI ANCHE > Indivinate un po’? Arriva il commissariamento della Figc

FABBRICINI-MALAGÒ, UNA NUOVA COPPIA PER IL CALCIO ITALIANO

Billy Costacurta e Angelo Clarizia saranno i due subcomissari che affiancheranno Fabbricini alla guida della Federazione. Una scelta più tecnica che fa da contraltare alla mossa politica rappresentata dal nuovo ruolo assunto dal braccio destro di Malagò.

A fare il grande annuncio è lo stesso capo del Coni: «Il commissariamento durerà 6 mesi, fino al 30 luglio – ha affermato in conferenza stampa -. Ho un dovere morale e sportivo, dopodomani partirò per la Corea, ogni giorno ho impegni con atlete e atleti. Non li posso lasciare sul più bello. Ho impegni con gli sponsor. Con tutto il rispetto per il calcio, andrò in Corea. Le scelte che ho fatto sono arrivate dopo aver visto il triste record della Figc, l’organo pù cmmissariato della storia del Coni, soprattuttto negli ultimi trent’anni».

FABBRICINI-MALAGÒ, CHI È E COSA FARÀ IL NUOVO CAPO FIGC

La prima decisione di Fabbricini, poi, sarà quella di proporre Malagò come capo della Lega Calcio: «Il primo atto in A? – ha commentato Fabbricini – Voglio nominare il commissario della Lega di A, proporrò Giovanni Malagò. Con lui il vicepresidente della Lega Paolo Nicoletti e Bernardo Corradi».

Fabbricini, 72 anni, ha avuto un lungo trascorso nella politica sportiva. È stato dirigente del Coni dal 1984 e dal 1994 dirigente superiore: con questi ruoli ha partecipato a ben 15 edizioni dei Giochi olimpici (otto estive e sette invernali). In passato era stato atleta (velocista nella 4×100 in modo particolare) a livello giovanile.

(FOTO: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)