Forza Nuova indagata per presunte firme false di Italia agli italiani

di Redazione | 01/02/2018

Forza Nuova

Forza Nuova e Fiamma Tricolore avrebbero falsificato le firme raccolte per presentarsi alle elezioni politiche del 4 marzo. Per questo motivo una lista di Italia agli italiani, il cartello formato dai due partiti neofascisti più altre forze e associazioni di estrema destra, è stata sequestrata.

Forza Nuova indagata per le firme false di Italia agli italiani

Come riporta Flaminia Savelli in un articolo pubblicazione sull’edizione di Roma di La Repubblica, la procura capitolina ha aperto un’indagine per falso in atto pubblico. Lo scorso sabato la polizia giudiziaria aveva preso possesso delle firme e dopo i controlli effettuati due persone avrebbero già ammesso di non aver firmato la lista nonostante risultassero tra i sottoscrittori di Italia agli italiani. Testimonianza seguita all’accertamento che aveva individuato due nominativi falsi tra quelli che avevano sottoscritto la lista di Italia agli italiani. Secondo Repubblica ci potrebbero essere problemi anche per il funzionario che ha certificato le firme, incaricato dei riconoscimenti non effettuati in modo corretto. Anche il dipendente della Pubblica amministrazione è stato indagato per il reato di falso in atto pubblico.

LEGGI ANCHE > ROMA, MILITARE SI SUICIDA NEI BAGNI DELLA METRO. CHIUSA LA STAZIONE BARBERINI

L’inchiesta della procura di Roma potrebbe allargarsi, visto che nei prossimi giorni saranno sentite altre persone che fanno parte della lista così come loro sottoscrittori. I magistrati stanno valutando tutta la procedura seguita da Forza Nuova e Fiamma Tricolore per comporre la lista, e potrebbero emergere altre anomalie, come scrive Repubblica. Forza Nuova aveva tentato di comporre una lista unica con CasaPound, ma il movimento di Gianluca Iannone e Simone Di Stefano aveva rifiutato l’offerta di Roberto Fiore, che si è così rivolto a Fiamma Tricolore, partito fondato da Pino Rauti dopo lo scioglimento del Msi e la fondazione di AN.