La superluna, ovvero la Super Blue Blood Moon. Come vederla in diretta streaming

di Redazione | 31/01/2018

superluna

Il 31 gennaio ci sarà una Superluna, più luminosa e con colori che vanno dal blu al rosso. Il nostro satellite sarà contemporaneamente Luna blu, ovvero la seconda luna piena in un mese, mentre l’eclissi sarà visibile soltanto dagli Stati Uniti e la tingerà di rosso.

SUPERLUNA: COME VEDERLA IN DIRETTA

Questa Superluna di fine gennaio chiude in grande stile il ciclo di tre iniziato a dicembre 2017: è la seconda Luna piena del mese, chiamata popolarmente da qualche tempo Luna blu“, ha spiegato ad Ansa l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. Come possiamo vederla in Italia?

Il Virtual Telescope osserva il nostro satellite in remoto dall’Arizona, utilizzando l’osservatorio privato Tenagra. La diretta su ANSA Scienza è prevista a partire dalle 12,30. Dalle 17,00 è invece prevista la diretta sulla Luna blu.

In questo video sarà possibile ammirare l’eclissi totale e la trasmissione delle immagini avrà inizio alle 12:30 ora italiana

In questo altro video si potrà ammirare la Superluna che sorge su Roma. Qui la diretta avrà inizio alle 17 ora italiana.

 

Ma perché si chiama Luna Blu?

Una spiegazione l’ha data  Paolo Volpini, dell’Unione astrofili italiani (Uai), ad Ansa. “Blue Moon, è un detto popolare che deriva dall’espressione ‘once in a blu moon’ – una volta ogni luna blu – per indicare un evento raro. Non è quindi legata al colore e neanche a un fenomeno astrologico vero e proprio, piuttosto a una particolarità del calendario“. “Abbiamo la luna blu quando in un mese si hanno due lune piene, cosa che accade solo quando nello stesso mese si verificano cinque fasi lunari, di solito ce ne sono quattro. Lo stesso avvenimento, ovvero, due lune piene e cinque fasi lunari, lo avremo anche nel mese di marzo“.

Con questa Superluna si ha il punto di distanza minimo che il nostro satellite può raggiungere dalla Terra per questo apparirà più grande. La distanza media è di 384mila chilometri e il 31 gennaio saremo invece a 359.000 chilometri di distanza. Attenzione però. Non fatevi ingannare. Dipende molto dalle fase lunari la sua visibilità. Per esempio dopo Capodanno eravamo a circa 356.000 chilometri.