Il video del cadavere nella foresta, YouTube (dopo il silenzio) punisce Logan Paul

di Redazione | 11/01/2018

logan paul

Ha generato sconcerto e indignazione in tutto il mondo la pubblicazione su YouTube del video di un cadavere, filmato girato in una foresta giapponese dal noto vlogger americano Logan Paul e caricato online lo scorso 31 dicembre. Dopo giorni di silenzio la piattaforma di proprietà di Google ha deciso di agire concretamente per punire l’autore delle immagini, escludendo i contenuti dell’autore da diversi servizi e programmi.

 

LEGGI ANCHE > LOGAN PAUL, IL BLOGGER CHE HA POSTATO IL VIDEO DI UN CADAVERE (E CHE POI È STATO COSTRETTO A SCUSARSI)

 

Logan Paul, il video del cadavere nella foresta

Logan Paul, 22enne dell’Ohio, è diventato famoso grazie ai suoi sketch su Vine e in seguito ha consolidato la sua popolarità grazie a YouTube, dove vanta quasi 16 milioni di iscritti al suo canale (4 milioni invece i follower su Twitter). L’ultimo giorno dell’anno è stato però un giorno che ha contribuito a danneggiare la sua immagine di ragazzo simpatico. Paul si trovava nella foresta giapponese di Aokigahar, vicino al Monte Fuji, un luogo tristemente famoso perché spesso scelto da persone che avevano deciso di togliersi la vita per compiere il gesto estremo. Era pronto a girare una nuova scena divertente quando è incappato nel corpo senza vita di un uomo, che evidentemente si era da poco suicidato. Nel filmato, che poi Paul aveva rimosso ma che era ormai era cominciato a circolare attraverso i profili di altri utenti, si vedeva il vlogger in compagnia di un gruppo di amici durante quella che sembra un’uscita di trekking. Ad un certo punto si imbattono nel cadavere, che viene filmato e commentato: tra lo stupore generale in pratica, Paul e gli amici ridono e scherzano, con un atteggiamento che è apparso ai più irrispettoso.

Logan Paul, la punizione di YouTube

YouTube non ha preso subito una decisione nei confronti del produttore di contenuti ma dopo più di una settimana di valutazioni ha scelto di metterlo al bando. Innanzitutto i canali di Paul sono stati rimossi da Google Preferred, un programma dell’azienda di Mountain View che raccoglie i migliori e i più popolari contenuti di YouTube per poi proporli agli inserzionisti, favorendo la vendita di pubblicità. In secondo luogo le clip del vlogger saranno cancellate da Foursome, raccolta proposta agli abbonati negli Usa di YouTube Red, il servizio premium del sito. Ma vanno considerate anche altre conseguenze. Paul non parteciperà più a un film: uno in arrivo lo avrebbe visto come protagonista. È facile prevedere che il ban da YouTube Red creerà un rilevante ostacolo ad una carriera sul grande schermo. Ma YouTube parla di altri provvedimenti per impedire che vengano ripubblicati selvaggiamente video già rimossi. «C’è voluto molto tempo per replicare – ha fatto sapere la più nota e utilizzata piattaforma di condivisione video – ma abbiamo voluto ascoltare tutto ciò che avevate da dirci. Sappiamo che le azioni di un creatore possono colpire l’intera comunità. Presto vi comunicheremo altre decisioni per evitare che video già rimossi, proprio come questo, possano circolare ancora».

(Immagine dal video di Logan Paul rimosso)

TAG: Logan Paul