Bloomberg svela l’incontro segreto tra imprenditori stranieri e M5S: «Solo risposte vaghe in modo allarmante»

di Redazione | 02/12/2017

Bloomberg M5s

La notizia era stata data dall’agenzia Bloomberg. Il Movimento 5 Stelle, rappresentato da Carla Ruocco, Carlo Sibilia e Laura Bottici, si è incontrato con alcuni esponenti del mondo economico internazionale a porte chiuse. Un incontro segreto in cui veniva illustrata agli investitori stranieri la posizione del M5S su stabilità interna, alleanze, eventuale uscita dall’euro.

LEGGI ANCHE > Luigi Di Maio e Silvia Virgulti si sono lasciati

BLOOMBERG M5S, L’INCONTRO SEGRETO CON GLI INVESTITORI

A quanto pare, però, gli investitori non sono rimasti soddisfatti delle risposte fornite dai parlamentari pentastellati. Al tavolo erano seduti, tra gli altri, gli esponenti di Brevan Howard Asset Management, Moore Capital Management, Wellington Management Group, Bank of America e Amundi.

Secondo quanto riportato da Bloomberg, tuttavia, le risposte date dai parlamentari del Movimento, in modo particolare sulle alleanze e sulla posizione europeista del partito, sono state «vaghe in modo allarmante». Questo, almeno, è quanto riportato da uno dei partecipanti stranieri alla riunione.

BLOOMBERG M5S, LA CONFERMA DI DI MAIO

Soddisfatto invece il Movimento 5 Stelle che, oggi, con il leader politico Luigi Di Maio, conferma tutto: «Sì, Carla Ruocco, Carlo Sibilia e Laura Bottici hanno incontrato alcuni investitori stranieri – ha detto il vicepresidente della Camera -: bene, dobbiamo andare a incontrare tutti, a raccontare chi siamo e vincere la demonizzazione che è stata fatta su di noi. In questa fase è importante far capire che noi siamo occasione di stabilità non di instabilità per l’Italia».

«Non dobbiamo avere assolutamente pregiudizi verso nessuno – ha continuato -. Poi è chiaro che siamo forti delle nostre idee, del nostro programma e su alcune cose non saremo d’accordo. Ma bisogna parlare con tutti, perché in questa fase è importante far capire che noi siamo l’occasione di stabilità, non di instabilità, per l’Italia».