Che cos’è il Ramadan: come funziona e cosa non si può fare durante il mese di digiuno islamico

di Mazzetta | 09/06/2016

RAMADAN

RAMADAN 2016 COSA BERE MANGIARE LE REGOLE DA SEGUIRE-

Il RAMADAN è un qualcosa con cui ormai molte persone che vivono in Italia convivono, magari senza che molti di noi ne sappiano molto. Ma cosa è il Ramadan? Quanto dura? Cosa si può fare e cosa no? E soprattutto quando inizia e quando finisce il Ramadan nel 2016. Intanto le date del Ramadan. Inizia il 7 giugno il digiuno del Ramadan 2016 in Italia. Ma cosa è quindi il ramadan?  E’ una festa religiosa che ricorda il periodo nel quale Maometto ha scritto il Corano ed è il mese nel quale, dall’alba fino al tramonto, i musulmani devono astenersi dal mangiare, dal bere, dal fumare e dall’avere rapporti sessuali. Un grande impegno fisico, che spesso ha fatto discutere soprattutto quando a portarlo avanti erano atleti, costretti ad allenamenti e a lunghi periodi di stress fisico. Se ne parlò molto, per esempio, durante i mondiali del 2014.

RAMADAN
La prima preghiera del Ramadan per i migranti bloccati tra Italia e Francia (Photo credit JEAN-CHRISTOPHE MAGNENET/AFP/Getty Images)

RAMADAN 2016, LE DATE –

Intanto inquadriamo il Ramadan. Si tratta del terzo dei cinque pilastri dell’Islam, i precetti che ogni buon credente dovrebbe rispettare, si pratica il nono mese lunare dell’anno secondo il calendario islamico. Può avere una durata di 29 o 30 giorni, visto che secondo quel calendario un anno ne ha 354, o 355 quando è bisestile, una volta ogni 3 anni. Dato che il calendario islamico ha 10 o 11 giorni di meno di quello solare, la data d’inizio della festa si sposta retrocedendo ogni anno di 10 o 11 giorni e finisce così per cadere prima o poi durante tutto l’anno solare. Un fenomeno che influenza la durata del digiuno, che d’inverno è più corto e d’estate più lungo. Ad esempio nel 2015 il Ramadan iniziò il 18 giugno e nel 2014 ancora prima, il 29. Così come il prossimo anno il Ramadan avrà inizio il 27 maggio

RAMADAN, IL SIGNIFICATO –

Il termine Ramadan vuol dire, letteralmente, torrido, cosa che fa intuire che in origine la festa si è quasi sicuramente celebrata durante un mese caldo. La prescrizione di osservare il digiuno dall’alba al tramonto ha inoltre effetti sicuramente impensati dal Profeta alle latitudini estreme, dove il Sole non sorge né tramonta per mesi e dove oggi, a differenza che ai tempi di Maometto, abitano anche musulmani che sarebbero in grande difficoltà con l’interpretazione letterale dei testi. In loro soccorso sono giunte però negli anni autorevoli interpretazioni che li autorizzano a sincronizzare il digiuno sul tempo delle albe e dei tramonti dei luoghi sacri o comunque di latitudini più basse.

RAMADAN, QUANTO DURA –

Quest’anno il mese è cominciato al tramonto del 6 e finirà il 5 luglio 20016.  Negli ultimi anni è arrivata in aiuto la tecnologia e sono spuntate moltissime applicazioni che aiutano a rispettare gli orari del mese di digiuno, come per il meteo si può impostare una città predefinita o farsi geolocalizzare in automatico. Non mancano le app che recapitano Corano e preghiere sugli smartphone e quelle con le ricette dedicate al Ramadan, argomento di grande attualità anche per i media dei paesi a maggioranza musulmana.

RAMADAN, LE REGOLE DA SEGUIRE-

Il Ramadan è un periodo nel quale i fedeli musulmani dovrebbero cercare di purificarsi attraverso il digiuno, la preghiera e praticando comportamenti virtuosi, in particolare astenendosi dall’ira e facendo carità e opere buone. Non tutti sono tenuti però a rispettare il digiuno: fanno eccezione infatti le donne incinta, i malati, gli anziani, le persone in viaggio o quelle che per altri motivi devono nutrirsi o bere durante il giorno. Chi per questi motivi può essere sollevato dal precetto dovrà però recuperare in seguito i giorni in cui non ha digiunato, se e quando la condizione sospensiva cesserà.

RAMADAN, COSA BERE –

Il digiuno deve purificare e non danneggiare il credente, per questo è permesso bere acqua a chi lavora al caldo o a chi ne ha bisogno, come chi lavora nei campi o nell’edilizia, anche se la regola generale imporrebbe di non ingerire niente che possa dare piacere, da cui anche il divieto di fumo. C’è da tener presente che non tutti i musulmani rispettano il digiuno, che resta una scelta senza penalità che non siano quelle divine in caso d’infrazione della regola. In alcuni paesi arabi tuttavia è vietato infrangere pubblicamente il digiuno, attività punita penalmente perché offende la morale. Dopo il tramonto si consuma quindi il pasto principale, l’iftar, che è accompagnato da quello mattutino prima dell’alba, il suhur (o suhoor). Ma il Ramadan è anche un periodo da dedicare alle buone azioni, alla carità, alla raccolta di cibo per i poveri o al volontariato. I fedeli sono anche incoraggiati a leggere il Corano e a questo scopo nelle moschee si recita il Tarawih, che sera dopo sera porta a recitare tutto il testo sacro nel mese. Al termine del Ramadan, viene celebrato lo Id al-fitr, la festa dell’interruzione.

TAG: Ramadan