|

I 12 comandamenti del sushi (che da oggi comincerai a seguire anche tu)

Mentre il web continua a discutere se il sushi fa ingrassare o oppure no, c’è chi mette per un attimo da parte la questione strettamente dietetica e si dedica ai fondamentali del sushi, cercando di rispondere ai dilemmi che ci assalgono tutte le volte che mettiamo piede in un ristorante giapponese. Perché è così importante usare le bacchette? Il wasabi fa messo nella salsa di soia oppure no? È vero che è meglio evitare di mangiare sushi la domenica sera?

sushi-cosa-sapere
Foto: Alex Trautwig/Getty Images Sport

LEGGI ANCHE: Sushi in gravidanza? Si può mangiare, a patto che…

 

Food Republic ha stilato un dodecalogo del sushi, una vera e propria lista di comandamenti che ogni amante della cucina giapponese dovrebbe stampare e appendere in cucina. E sì, lo zenzero che ci servono insieme al pesce è lì per essere mangiato. Ed è pure buonissimo.

Leggi i 12 comandamenti del sushi:

  • 1. NON AFFOGHERAI IL TUO SUSHI NELLA SALSA DI SOIA – Sei andato in un vero ristorante giapponese per apprezzare il sapore delicato e insolito del pesce crudo, e non per ucciderne il gusto con un ettolitro di salatissima salsa di soia. Usane lo stretto necessario: quanto basta per insaporire il piatto ma non troppa per coprirne il sapore.
  • 2. USA LE BACCHETTE – Pensi che siano impossibili da usare? Eppure sono il modo migliore per mangiare il pesce che hai appena ordinato. Fidati, usa quelle bacchette.
  • 3. ONORA LO ZENZERO CHE HAI NEL PIATTO – Quelle scagliette chiare e morbide che ti vengono servite insieme al sushi sono fettine di zenzero. Possono essere fresche o in salamoia e servono per pulire la bocca tra una portata e l’altra, in modo da liberarla dal sapore di una pietanza e preparare il palato per quella successiva. Possono avere un un gusto un po’ forte, ma non snobbarlo dicendo che «sa di detersivo dei piatti». Lo zenzero è tuo amico, provalo e la tua soddisfazione con il sushi potrebbe essere ancora più grande.
sushi-cosa-sapere
Foto: YOSHIKAZU TSUNO/AFP/Getty Images

LEGGI ANCHE: Le 6 cose che devi sapere sul “vero” sushi giapponese – Foto

 

  • 4. NON FARAI MAI PIÙ DI UN BOCCONE – Fattene una ragione: sushi e sashimi si mangiano in un sol boccone. Non solo perché cercare di tagliare un roll è il primo passo per sporcarsi e finire per rincorrere riso, pesce e pezzi di alga per la tavola, ma anche perché dividere un boccone di sushi è considerato molto poco educato. Oltretutto, se il sushi è di ottima qualità e fatto a regola d’arte, ogni roll dovrebbe essere della giusta dimensione per essere messo in bocca tutto insieme e masticare senza soffocarsi. Se ti è arrivato un roll grande quanto una Girella Motta, forse è meglio se cambi ristorante.
  • 5. ORDINERAI UN PO’ DI TUTTO – I novellini del sushi ordinano soprattutto roll, per giocare sul sicuro. I commensali un po’ più esperti invece, sceglieranno diversi tipi di pesce spaziando tra sushi e sashimi, senza eccedere nel riso – che quello lo puoi mangiare benissimo anche a casa tua.
  • 6. EVITERAI COME LA PESTE I FINTI PIATTI GIAPPONESI – Formaggi spalmabili, maionese e ingredienti dall’aria decisamente occidentale: lascia perdere. Si tratta di “licenze poetiche” che molti sedicenti ristoranti giapponesi includono nel menù per andare incontro ai gusti del cliente medio occidentale. Il vero sushi non prevede né maionese né formaggio, e se davanti al menù ti ritrovi ad alzare perplesso un sopracciglio… Probabilmente è perché stai leggendo qualcosa che non dovrebbe stare su quel menù.
sushi-cosa-sapere
Foto: Neilson Barnard/Getty Images Entertainment

LEGGI ANCHE: Le 15 cose che devi fare (e non fare!) quando mangi il sushi

 

  • 7. MANGERAI I TUOI MAKI PRIMA DI OGNI ALTRA COSA – Se hai ordinato maki o temaki – sono quelli con l’alga nera all’esterno –  faresti meglio a mangiarli prima di tutto il resto. Questo perché l’alga – che si chiama nori – tende a diventare molliccia e gommosa in poco tempo. Se li mangi subito, l’alga è croccante e saporita. Se invece li tieni per ultimi potrebbe essere un’esperienza poco soddisfacente.
  • 8. NON MANGERAI MAI SUSHI LA DOMENICA SERA (E MEN CHE MENO IL LUNEDÌ) – Durante il weekend è difficile che i ristoranti giapponesi riescano a rifornirsi di pesce veramente fresco: il risultato è che potresti finire per mangiare un sushi scadente o addirittura avariato. Per questo motivo molti ristoranti giapponesi di buona qualità sono chiusi il lunedì.
  • 9. DIFFIDA DEL PESCE DI ACQUA DOLCE – Secondo alcuni studi – ancora in fase preliminare – consumare pesce d’acqua dolce crudo potrebbe essere pericoloso per la salute, perché quel tipo di pesce sarebbe più soggetto alla contaminazione da parassiti. Questo legame ancora non è stato provato con certezza, ma è sempre meglio esserne consapevoli.
sushi-cosa-sapere
Foto: Daniel Berehulak /Getty Images

LEGGI ANCHE: Gli 8 consigli per riconoscere un buon sushi – Foto

 

  • 10. DIFFIDA ANCHE DEI SUSHI ALL YOU CAN EAT – Ci sarà pure una ragione se nei “veri” ristoranti giapponesi una cena ti costa dai cento euro in su mentre in certi all you can eat puoi abbuffarti di sushi a dieci euro, non credi?
  • 11. NON DESIDERAI TROPPO WASABI – Contrariamente a quanto si possa pensare, è sbagliatissimo aggiungere il wasabi direttamente nella salsa di soia. Se se ne gradisce il gusto, il wasabi va messo – a piccole dosi! – direttamente sul boccone che si sta per mangiare. Anche in questo caso vale quanto detto nel primo comandamento: il wasabi deve esaltare il gusto del pesce, non coprirlo.
  • 12. ORDINARE IL SUSHI DA ASPORTO È PECCATO -Si tratta di una regola generale: sia che passi tu a ritirarlo o che ti venga consegnato a casa come una pizza, quel sushi sarà sempre di qualità inferiore a quello che potrai mangiare al ristorante. Il sushi è una pietanza delicata, che risente degli sbalzi di temperatura. Meglio schiodarsi dal divano e andare al ristorante, davvero.

(Photocredit copertina: Noam Galai/Getty Images Entertainment)

TAG: Sushi