|

Fido bancario, tutto quello che c’è da sapere

Tra le tante linee di credito garantite dalle banche esiste anche il Fido Bancario, altrimenti conosciuto come “affidamento“. In sostanza parliamo di un prodotto fornito da una banca ad un suo correntista per una quota minima, generalmente inferiore a 5000 euro, da rimborsare entro una scadenza e gravata da tassi d’interesse.

Foto Stock - Banche

DI COSA SI TRATTA – Un fido bancario può essere concesso sia ad un privato che ad un’azienda, tuttavia è quest’ultima la categoria che ricorre maggiormente al credito bancario. La versione più comune del fido è il cosiddetto “fido di cassa”. Parliamo dello scoperto di conto corrente. Questo è il prodotto più costoso per il cliente in quanto consente di avere un’apertura di credito sul proprio conto così che la somma definita e messa a disposizione da parte dell’istituto di credito possa essere sempre utilizzabile. Il punto è dato dal fatto che essendo questo un serbatoio “extra”, spesso le banche cercano di scoraggiarne l’uso continuo da parte di privati cittadini ed imprese.

PORTAFOGLI SEMPRE PIENO – Cerchiamo di capire meglio anche grazie all’aiuto di Sos Tariffe di cosa stiamo parlando. Il Fido permette al cliente di poter ricorrere al conto corrente qualora abbia necessità di fare operazioni anche in assenza di liquidità. La banca in cambio fisserà un tasso d’interesse ed imporrà un limite massimo alla somma concessa garantendo in cambio la massima libertà dei movimenti. Parliamo quindi di un “portafogli” sempre pieno a disposizione di aziende e privati cittadini i quali però sono costretti a fare per bene i loro calcoli pena il rischio di “andare in rosso” per un periodo prolungato. Le penali e gli interessi pagati potrebbero portare in poco tempo al “fallimento” di una persona o di un’impresa.

Foto Stock - Banche

PER SPESE TEMPORANEE – In breve, l’apertura di credito nel conto corrente è utile quando bisogna affrontare mancanze transitorie di liquidità, come in casi di ritardi nei pagamenti, periodi di accumulo di scadenze, necessità momentanea di denaro per chiudere un “business” o nei momenti di diminuzione degli incassi. Non deve essere mai richiesta per finanziare un’attività in modo permanente, sia per il costo (sicuramente più elevato di un conto corrente tradizionale) ma anche perché prolungare questo “andare in rosso” su diversi esercizi commerciali sarebbe l’inizio della fine dell’azienda.

LE VOCI – Più avanti parleremo nel dettaglio dei costi. Intanto anticipiamo l’argomento sottolineando come le spese di questo tipo di finanziamento non siamo irrilevanti. Sul prodotto in questione gravitano i cosiddetti “costi diretti”, ovvero il tasso applicato, la commissione di massimo scoperto, le spese di tenuta o di chiusura conto, le spese per operazione, per estratto conto, per revisione fidi. Poi è necessario elencare i cosiddetti “costi indiretti” variabili a seconda dei profili aziendali. E qui entrano in gioco i giorni valuta assegni, il prezzo dei bonifici, le penali per passaggio a debito.

Foto Stock - Banche

L’ANASTOCISMO – Inoltre è opportuno ricordare che gli interessi addebitati ogni mese dalla banca matureranno a loro volta altri interessi, trimestre dopo trimestre. E’ pur vero che il cliente non è tenuto ad usare l’intera somma ed anzi forse è meglio che rimanga più sul contenuto, visto che l’interesse del fido viene calcolato sulla somma effettivamente utilizzata. La commissione di massimo scoperto tenderà poi ad aumentare con una cadenza trimestrale. Questa pratica prende il nome di anatocismo. Una volta compresi i limiti ed i benefici del fido proviamo a vedere qual è la procedura corretta da seguire per richiedere l’apertura di un affidamento bancario, avvalendoci dell’aiuto di migliorcontocorrente.

L’INDAGINE PRELIMINARE – Prima di concedere un fido, la banca si lancia in un’analisi dell’affidabilità del cliente. Vengono raccolte informazioni sulla situazione finanziaria e per fare questo l’istituto si rivolge anche alla centrale rischi finanziari. Quest’analisi patrimoniale preliminare si dimostra fondamentale perché la somma affidata dipenderà dai risultati dell’indagine. Il cliente in sede di richiesta fa domanda per una somma che successivamente dovrà essere “confermata” o “corretta” dall’istituto erogante. Generalmente viene concesso un massimo di tre volte la retribuzione mensile netta dei dipendenti ed il 30 per ceto del fatturato annuo di aziende e liberi professionisti.

crisi-di-fiducia-europa

DECIDE TUTTO LA BANCA – Sempre in base all’analisi del merito creditizio la banca deciderà il tasso da applicare all’affidamento. La banca chiede anche delle garanzie, tranne nei casi in cui il cliente riesca a dimostrare di riuscire a fronteggiare il finanziamento con facilità. Parlando di numeri, la legge n.214 del 22 dicembre 2011 ha introdotto altre commissioni in sostituzione di quella di massimo scoperto abolita dalle “lenzuolate” di Pierluigi Bersani. Nello specifico ci riferiamo alla Cdf, Commissione Messa a Disposizione Fondi, la quale può essere applicata nella misura massima dello 0,50% trimestrale, pari al 2 per cento annuo.

IL PESO DEGLI INTERESSI – Tale percentuale viene calcolata sull’importo del fido concesso,a prescindere dall’utilizzo dello stesso. Tenendo conto di tale commissione sarebbe ragionevole chiedere dunque alla banca un fido realmente coerente con le proprie esigenze, e non maggiore di quello che si potrebbe utilizzare. Se servono 1000 euro non ha senso farsene assegnare 3000 anche perché poi si pagherebbero più tasse solo per aver richiesto il fido. In secondo luogo abbiamo la Civ, la Commissione d’Istruttoria Veloce, la quale viene applicata a tutti i conti che al termine del trimestre presentino uno sconfinamento rispetto al fido concesso in caso di cliente affidato superiore a 500 euro e per una durata complessiva superiore ai 7 giorni.

A picture taken on December 15, 2011 in

AFFIDAMENTI A CONFRONTO – E’ opportuno però segnalare che non tutte le imprese applicano il Civ. A questo punto proviamo a vedere cosa ci offrono tre grandi banche italiane ed analizziamo il prodotto “Fido Più” di Intesa Sanpaolo, “Senzapensieri” di Unicredit e l’apertura di credito di Cariparma. Partiamo dalla prima banca, ovvero Intesa:

fido (4)

 

LA VERSIONE D’INTESA SAN PAOLO – Visto che parliamo di un prodotto che viene emesso a discrezione dell’istituto erogante, in Intesa si mettono le mani avanti parlando solo di cifre erogabili e di un rimborso personalizzati. Da notare come in questo caso il fido sia a tempo indeterminato, fatto salvo la scadenza di contratto qualora il richiedente sia una persona assunta a tempo determinato. La cifra destinata sia a privati sia ad imprese è di 2000 euro, 1000 qualora si parli del prodotto “fidolight”. Per quanto riguarda invece le condizioni, queste non vengono esplicitate. L’eventuale interessato dovrebbe recarsi in una filiale del gruppo con in mano l’ultima dichiarazione dei redditi e l’ultima busta paga. Se l’istruttoria richiede altri documenti, questi verranno richiesti.