Teresa Lewis: anche negli Usa donne condannate a morte

Il Washington Post intervista la responsabile dell’omicidio del marito e del figliastro: “Ho paura di morire, sono pentita”. Per alcuni...

Il Washington Post intervista la responsabile dell’omicidio del marito e del figliastro: “Ho paura di morire, sono pentita”.

Per alcuni Teresa Lewis è una mente fredda e manipolatrice, che ha cospirato per far uccidere il marito e il figliastro per incassare i soldi dell’assicurazione e mettersi con un altro uomo. Altri la vedono come una semplice – anche infantile – donna con la capacità mentale di una 13enne, coinvolta in un terribile crimine da un amante intrigante.

NEL BRACCIO DELLA MORTE – Oggi la Lewis, in un carcere di blocchi di calcestruzzo, è l’unica donna nel braccio della morte. Passa il tempo cantando canzoni del Vangelo, si vanta di suo nipote neonato e passa i giorni in isolamento virtuale, tra la lettura di una Bibbia consumata e la visione di reality show. Ancora per poco: se né la Corte Suprema, né il governatore Robert F. McDonnell interverranno, la Lewis diventerà la prima donna giustiziato in Virginia in quasi 100 anni e la dodicesima a livello nazionale da quando la pena capitale è stata ripristinata nel 1976. Entrambi gli uomini che hanno collaborato agli omicidi in cui lei è implicata, hanno ricevuto la comunicazione con la data della loro esecuzione. La sua è prevista per il 23 settembre. “Non ho premuto il grilletto, ma ho fatto lo stesso qualcosa di sbagliato: non ho impedito la morte di due persone a cui volevo bene”, dice al Washington Post. “Sono spaventata a morte, io voglio vivere”.

LA PAROLA ALLA DIFESA – Chi la difende, ricorda che la Lewis non ha organizzato i piani che hanno portato alla morte del marito e del figliastro: lei ha semplicemente eseguito gli ordini dell’amante. “E’ una persona di fede, è stata tirata in ballo in un gioco più grande di lei”, dicono. Da quando è arrivata in carcere sette anni fa, la Lewis ha vissuto nell’unità di segregazione perché lo Stato non ha un braccio della morte per le donne. Non è autorizzata a partecipare alle funzioni della chiesa o andare al cantiere di ricreazione e passa la maggior parte del suo tempo da sola. Si sdraia sul pavimento della sua cella e grida sotto la porta per parlare con altri prigionieri. Il suo cappellano di lunga data ha detto che quando le cose si fanno tese o turbolenti, Lewis canta e si calma le altre detenute.

EPPURE SI MOSSE - I detrattori ricordano che la Lewis si è disinteressata di quanto stava accadendo, quando ha fatto entrare i due aggressori per uccidere il marito e il figliastro, ex militare. Ha lasciato una porta aperta, se n’è andata mentre i due facevano il lavoro sporco, ha aspettato mezz’ora prima di chiamare il 911. La polizza di assicurazione sulla morte del marito valeva 250mila dollari, e aveva pianificato di dividerli con l’amante Matthew Shallenberger. La Lewis, dice l’accusa, ha anche spinto la figlia sedicenne a fare sesso con il 19enne Rodney Fuller, che ha aiutato Matthew nel portare a termine il compito. Su consiglio del suo avvocato, lei non ha contestato le ricostruzioni dell’accusa, dicendo semplicemente di aver vissuto un grande conflitto interiore: “C’era Gesù che mi diceva di non farla, e Satana che mi diceva il contrario. Quella notte la mia mente mi ripeteva che non avevo fatto nulla di male, non avendo premuto il grilletto”.

DONNE E PENA DI MORTE - E’ dal 1912 che non si giustizia nessuna donna in Virginia. Dal 1900, 50 donne sono state giustiziate negli Stati Uniti, secondo i dati ufficiali. A partire dal primo gennaio, vi erano 61 donne condannate a morte – poco meno del 2 per cento della popolazione totale dei bracci della morte. Il governatore della Virginia ha già fatto sapere che la sua politica è annunciare la sospensione dell’esecuzione almeno 5 giorni prima della stessa, e ha già respinto due richieste di grazia durante il suo governo. L’avvocato della Lewis ricorda il passato della sua assistita, e spinge sul fatto che lei ha confessato tutto e vuotato il sacco, spiegando agli inquirenti come sono andate le cose senza tacere nulla e coprire nessuno, nemmeno sé stessa. Shallenberger ha ammesso di essere un gigolò e di stare cercando una preda come lei. Si è preso tutta la responsabilità nell’organizzazione del piano, che Teresa ha solo eseguito. Eppure il giudice non ha avuto pietà. Shallenberger ha un Q.I. di 113, la Lewis di solo 73.

IL REVERENDO – Il reverendo Lynn Litchfield ha incontrato Teresa Lewis il giorno che arrivò in manette al carcere. Da quel giorno, il cappellano si è regolarmente fermato dalla sua cella. Si inginocchiava fuori, e avrebbero parlato attraverso la fessura dove si passano i carrelli di cibo. “L’ho vista piangere. Ho visto la sua lotta attraverso i suoi incubi. Lei lotta con il perdono e il pentimento”, ha detto Litchfield. Lewis è diventato una fonte di forza per altre donne, pregando e cantando con loro. Dalla cella 108, Teresa Lewis trascorre le sue giornate scrivendo a amici di penna e pregando ad alta voce. Guarda “Ballando con le Stelle”, “America’s Got Talent” e “I Love Raymond”, ma evita drammi di polizia come “CSI“, perché le ricordano gli omicidi che ha commesso. “Io dico a Gesù ogni giorno: se continuano a lasciarmi vivere, quello che ho passato, il mio delitto, serviranno per portare la gente a Gesù,” ha detto. “Mi sento di poter insegnare loro molte cose i miei errori, perché Dio mi ha fatto vedere quello che ho fatto e che cosa avrei potuto fare.”