|

“La villa di Daniela Santanché vale quattro milioni”

La villa di Daniela Santanché, oggi Casa Sallusti (come il direttore del Giornale ha tenuto a precisare alla Zanzara) torna sotto i riflettori. Marco Lillo del Fatto Quotidiano, infatti, racconta, dopo l’articolo della Stampa, un retroscena sull’acquisto della casa:

LEGGI ANCHE: Ma la casa della Santanché dove svernerà Sallusti l’avete vista?

 

Villa Santanché 8 anni fa era intestata alla società di Giuseppe Loggi Longostrevi, il re Mida delle cliniche, come veniva definito nelle cronache giudiziarie della fine degli anni novanta. Proprio in questo stabile, dodici anni fa, il medico, arrestato nel 1997 con l’accusa di avere corrotto i medici di famiglia per far prescrivere analisi nelle sue cliniche, si tolse la vita con un’overdose di barbiturici. NEL NOVEMBRE del 2004 il villino passa per 1,2 milioni a Daniela Santanché e alla sua società. “Un prezzo molto più basso del suo valore di allora”, dice la figlia del medico, Valeria Poggi Longostrevi al Fatto .

Per capire come si sia arrivati a vendere a quel prezzo questo villino cielo terra di due piani, più soffitta e seminterrato a due passi da Corso Vercelli, è utile partire dagli atti:

L’immobile era intestato alla società Centro Medico Milanese degli eredi che avevano affidato la gestione allo studio del commercialista Stefa no Verna , oggi 48enne. Il 19 novembre del 2004 davanti al notaio Stefano Rampolla di Milano, Daniela Garnero Santanché e Stefano Verna, nella sua qualità di presidente di Centro Medico Milanese Srl, stipulano due atti differenti. Nel primo Daniela Santanché compra i due piani più alti della villa composti di sei locali al piano primo e i due locali al piano mansarda con servizi e accessori per una superficie catastale di 235 metri quadrati più la quota del cortile spettante. Le parti dichiarano un prezzo di 400 mila euro che sembra effettivamente vantaggioso per chi compra. Subito dopo Santanché e Verna stipulano un secondo atto. I piani più bassi della villa che, secondo quello che risulta nelle carte, sono adibiti a uso ufficio, passano nella disponibilità della Dani Comunicazione di Daniela Santanché mediante un leasing immobiliare con il Credito Artigiano. La banca versa il prezzo di 800 mila euro e la Dani Comunicazione, amministrata dal socio unico Daniela Santanché prende l’immobile, ripagando poi a rate un leasing decennale.