|

Zuzzurro è morto, aveva combattuto il cancro fino alla fine

Zuzzurro alias Andrea Brambilla è morto oggi intorno alle 22: il comico era famoso per la sua carriera in coppia con Nino Formicola (Gaspare). Zuzzurro era malato di cancro da molto tempo, era nato a Varese il 21 agosto del 1946, aveva debuttato con Gaspare in Rai nel 1976, raggiungendo la popolarità con il personaggio del Commissario Zuzzurro in Drive In, storica trasmissione di Antonio Ricci. Lo conferma l’Ansa:

E’ morto stasera a Milano Andrea Brambilla, Zuzzurro nel duo con Gaspare. Aveva compiuto 67 anni lo scorso 21 agosto ed era ricoverato all’Istituto dei tumori di via Venezian, a Milano, dallo scorso 7 ottobre per un tumore ai polmoni. Lo conferma Nino Formicola, Gaspare nella coppia dall’ospedale dove si trova con la moglie e i figli di Brambilla.


ZUZZURRO, LE ULTIME ORE –
“Ieri sera ha avuto una crisi ed oggi lo hanno sedato. Andrea e’ morto poco prima delle 22”, dice Nino Formicola, commosso, parlando della scomparsa di Andrea Brambilla con cui formava la coppia Gaspare e Zuzzurro. “Tra qualche mese sarebbero stati 40 anni che ci conoscevamo. Gli avevano diagnosticato – spiega all’ANSA Formicola – il tumore al polmone in febbraio. Lui ha affrontato la malattia con grande piglio ed energia. Devo essere onesto, pensavo di essere preparato ma non e’ cosi'”. Formicola, Gaspare nella coppia, spiega: “Mi sono reso conto che per quanto uno possa essere lucido, razionale, cinico, non c’e’ nulla da fare”. Poi, con la voce rotta dalla commozione, racconta che l’altro ieri con Andrea Brambilla stavano discutendo di lavoro. “Andrea era un combattente vero. Voleva tornare in palcoscenico a tutti i costi. Non a caso Veronesi ha scritto un articolo su di lui, proprio oggi, in cui lo citava come esempio”. Formicola, che si trova all’Istituto dei tumori di Milano con la moglie e i figli di Brambilla, annuncia anche che i funerali dovrebbero essere sabato a Milano, ma, precisa, “non so ancora nulla di sicuro, ne dove saranno fatti. Probabilmente vicino a casa sua”. Lo rivela sempre l’Ansa.

ZUZZURRO E’ MORTO, DOLORE SUI SOCIAL NETWORK – La notizia della morte di Andrea Zuzzurro Brambilla ha avuto larga eco su Twitter e Facebook:

 

 

 

 

ZUZZURRO E I GRANDI SUCCESSI – Sui social network è letteralmente cominciata una pioggia di saluti a Zuzzurro Andrea Brambilla, perlopiù video: ZUZZURRO E IL GIALLO – Sin dal pomeriggio si erano ricorse voi sulla morte dell’attore, prima smentita dal suo collega Nino Formicola, che poi però su Facebook dopo due ore postava:

ZUZZURRO E LA MALATTIA – Il teatro Leonardo di Milano aveva anche rinviato il suo spettacolo che era in programmazione a metà ottobre: “‘Non c’è più il futuro di una volta 2.0’, previsto da martedì 15 ottobre, è rimandato a data da destinarsi poiché le condizioni cliniche di Andrea Brambilla non gli consentono di andare in scena”. Ecco il documento che attestava il suo ricovero:

zuzzurro

zuzzurro andre brambilla morto (1)

ZUZZURRO E’ MORTO – Una foto di Brambilla e Formicola tratta dalla pagina fan su Facebook dei due:

zuzzurro è morto

Un video di Zuzzurro e Gaspare da Youtube:

ZUZZURRO E’ MORTO – Il 27 settembre scorso Zuzzurro aveva raccontato al Corriere della Sera del suo lavoro e di come era cambiato da quando aveva scoperto di avere il cancro:

 

zuzzurro cancro chemioterapia

Prima reazione? «Una brutta botta. Poi ho pensato che si può guarire, son guariti in tanti. Certo ti distrugge fisicamente. Ho cominciato la chemioterapia che alterno alla radioterapia. E ho capito che sto meglio se lavoro. Sono debilitato, ma bisogna reagire. Penso sia doveroso provarci. Vorrei dirlo a tutti, specie ai malati giovani: occorrono volontà e ottimismo». Cosa le dicono i medici? «Sono molto vaghi. Sulla guarigione, tacciono. Io faccio lo gnorri e loro cambiano discorso. Ma sono meravigliosi all’Istituto dei Tumori di Milano. Competenti e molto attenti all’aspetto psicologico. Ho invitato il mio oncologo alla prima teatrale del 15 ottobre e gli ho detto: “Guardi che se non faccio più ridere, la colpa è sua”».