Il padre di Viviana Parisi: «Penso a un gesto estremo dopo l’incidente» | VIDEO

Il genitore della 43enne trovata senza vita nei boschi di Caronia ipotizza il suicidio della figlia

di Enzo Boldi | 12/08/2020

Viviana Parisi
  • Le parole di Luigino, padre di Viviana Parisi dopo l'autopsia sul corpo della figlia

  • L'uomo pensa a un "gesto estremo" dopo l'incidente automobilistico

  • Proseguono le ricerche del piccolo Gioele

Per conoscere nel dettaglio i risultati dell’autopsia effettuata martedì sera sul copro di Viviana Parisi occorrerà attendere i canonici 90 giorni. Nel frattempo, però, i legali della famiglia Mondello hanno ottenuto alcune informazioni preliminari che non hanno dato molte indicazioni in più rispetto alle varie ricostruzioni su cui stanno indagando gli inquirenti. E mentre la Procura di Patti ha aperto un’inchiesta (contro ignoti) per omicidio volontario e sequestro di persona, il padre della 43enne ha raccontato la sua idea su quanto avvenuto.

LEGGI ANCHE > Viviana Parisi, neanche l’autopsia scioglie i dubbi

Secondo Luigino Parisi, infatti, sua figlia potrebbe aver deciso quel gesto estremo dopo l’incidente. L’uomo, giunto da Torino – città natale di Viviana – dopo la notizia della sua sparizione (e dopo il ritrovamento del suo corpo senza vita nei boschi di Caronia), sembra essere convinto che sua figlia si sia suicidata.

Viviana Parisi, secondo il padre potrebbe essersi suicidata

Il racconto dell’uomo, come ovvio, è pieno di un dolore celato dietro la ricerca di razionalità per tentare di capire cosa sia successo a sua figlia e al piccolo Gioele. Luigino Parisi, infatti, ha raccontato dello stato d’animo della figlia durante l’emergenza sanitaria legata al Covid, sottolineando come la donna fosse terrorizzata che quel virus potesse colpire suo figlio e il marito Daniele Mondello. Parla anche di come la figlia si fosse riavvicinata alla fede, provocando la sua reazione.

Le indagini proseguono

Viviana Parisi non stava vivendo un periodo molto semplice, come sottolineato dal racconto del padre. Per questo motivo, secondo lui, l’ipotesi del gesto estremo potrebbe essere realistica. Ma mancano ancora le conferme. I primi esiti – non ufficiali – dell’autopsia hanno messo in evidenza fratture sparse che potrebbero essere compatibili con una caduta. Ma è ancora presto per poter dare indicazioni in direzione del suicidio. Nel frattempo proseguono le ricerche del piccolo Gioele, di cui si sono perse le tracce dalla mattina di lunedì 3 agosto.

(foto di copertina e video Corriere della Sera)