Calabria, il neo Commissario della Sanità Zuccatelli deve scusarsi per il video in cui dice «mascherine inutili»

Passato solo un giorno dalla rimozione di Cotticelli che non sapeva perché la Calabria fosse zona rossa, il neo Commissario Zuccatelli già al centro della polemica

08/11/2020 di Ilaria Roncone

video zuccatelli

La posizione di Commissario della Sanità in Calabria sembra essere maledetta (o ricoperta da persone inadeguate). Se ieri parlavamo di Saverio Cotticelli, che non sapeva rispondere al perché la sua stessa regione fosse stata dichiarata zona rossa e ha pagato con la rimozione dal ruolo, oggi parliamo di Giuseppe Zuccatelli, neo Commissario della Sanità Calabria al centro di uno scandalo nel suo primo giorno di lavoro. Tutto parte da un video che – come ha poi spiegato Zuccatelli ammettendo la sua colpa – risale alla prima fase della pandemia.

LEGGI ANCHE >>> Il Commissario alla Sanità in Calabria che chiede i posti in terapia intensiva all’usciere | VIDEO

Video Zuccatelli mascherine: «Le mascherine non servono a un ca**o»

Nel video in questione Giuseppe Zuccatelli non risparmia i francesismi e definisce inutili le mascherine: «Sai cos’è che serve? La distanza» dice al suo o ai suoi interlocutori che non si vedono nel video. «Perché per beccarti il virus, se io fossi positivo, tu sai cosa devi fare? Devi stare con me e baciarmi per 15 minuti con la lingua in bocca. Altrimenti non te lo becchi il virus». Il video si conclude con Zuccatelli che parla del droplet e di quanto tempo serva perché avvenga il contagio.

Zuccatelli chiarisce con una nota

Arriva nella giornata di oggi il chiarimento del neo Commissario della Sanità in Calabria Zuccatelli, che dice di aver cambiato posizione. «Le mascherine sono parte della fondamentale strategia di contrasto al Covid 19», ha scritto, facendo presente che quel video e quelle affermazioni sono tate «estrapolate impropriamente da una conversazione privata» e «risalgono al primo periodo della diffusione del contagio, nella prima fase dell’epidemia». Zuccatelli ha ammesso il fatto che fossero parole errate e ha invitato «tutti ad utilizzare le mascherine così come a rispettare il distanziamento fisico», specificando che quando ha pronunciato quelle frasi sulle mascherine inutili «la comunità scientifica internazionale riteneva che l’uso delle mascherine fosse da riservare ai soli contagiati e ai sanitari».

Share this article