Trump sicuro: “A Beirut e’ stato un attentato”

Il presidente americano classifica l'esplosione nella capitale libanese come "un attacco"

di Redazione | 05/08/2020

militare ferito

“Secondo i nostri generali e’ stata un attentato”. Con queste parole il presidente americano Donald Trump ha rivelato ai giornalisti le prime indicazioni dei capi delle forze armate Usa sulle esplosioni a Beirut. Affermazioni che, non fosse altro per la tempistica, promettono di scatenare enormi polemiche visti i delicati equilibri internazionali della zona in questione.

LEGGI ANCHE > Esplosione a Beirut, almeno 25 morti e 2500 feriti (tra cui anche un soldato italiano) | VIDEO

BEIRUT, TRUMP IPOTIZZA UNA BOMBA

Ai giornalisti presenti per la conferenza stampa, Trump ha rivelato che vista la potenza dell’esplosione, mostrata dalle migliaia di video apparsi sui social media nelle ore successive al botto, i generali americani ipotizzano che si tratti “un qualche tipo di bomba”. Nessuna esplosione di un magazzino di fuochi d’articifio, come ipotizzato nei primi minuti dopo il terribile botto, che in molti hanno paragonato alle bombe atomiche contro Hiroshima e Nagasaki.

 

https://twitter.com/PayamAlipour2/status/1290779046834581506?s=20

La rivelazione di Trump potrebbe in qualche modo confermare quanto rivelato poche ore dopo il botto dal ministro dell’Interno libanese, che ha parlato di 2750 tonnellate di ammonio nitrato sequestrato anni fa dal governo e conservato in un magazzino sul porto. Un’ipotesi confermata anche dal primo ministro libanese, Hassan Diab, che resta anche in piedi mentre sia Hezbollah che il governo israeliano hanno escluso ogni coinvolgimento nella strage.

Ammissioni, quelle dei membri del governo libanese, che confermerebbero le notizie sulla formazione di una nube tossica segnalata dai cittadini dopo l’esplosione e confermata dalla testata libanese, al Mayadeen, che parla di un deposito di sostanze chimiche, tra cui il benzene, nella zona del porto.

“AIUTEREMO IL POPOLO LIBANESE”

Nella sua conferenza stampa Trump ha anche promesso di voler aiutare il popolo libanese, cosi’ duramente colpito dalla tragica esplosione che ha ucciso almeno 78 persone e ferendone oltre 3mila.

“Voglio comunicare tutta la partecipazione degli Stati Uniti al popolo libanese e a tutti i feriti nell’esplosione a Beirut” ha detto Trump, aggiungendo che tutta la popolazione prega per “le vittime e le loro famiglie” e che “gli Stati Uniti aiuteranno il Libano, col quale abbiamo un’ottima relazione, colpito da questo tragico attacco”.

https://twitter.com/Sam_csrr/status/1290760835841667072?s=20