La Lega verrà denunciata per l’sms agli abitanti di Castenaso che viola la loro privacy

di Ilaria Roncone | 19/01/2020

sms lega
  • Gli estremi per denunciare la violazione di privacy ci sarebbero tutti

  • Nessuno tra quelli che hanno ricevuto l'sms ha rilasciato i propri dati

  • La Lega sarà chiamata a rispondere del gesto

Gli estremi ci sono tutti. A dirlo è l’avvocata Cathy La Torre, attivista LGBTQI e esperta di privacy. Cofondatrice della campagna Odiare Ti costa, è stata premiata nel 2019 come migliore avvocata pro bono. Proprio lei ha ricevuto centinaia di segnalazioni dai cittadini di Castenaso, la cittadina in provincia di bologna salita alla ribalta per aver protestato contro Salvini – andato da loro per la campagna elettorale – ricordandogli che non più tardi di dicembre 2017 li aveva definiti «gli idioti del gommone» per aver sostituito nel presepe comunale la mangiatoia con un gommone. Il contenuto dell’sms Lega? Un invito a votare Lucia Borgonzoni alle comunali.

LEGGI ANCHE >>> Lettera aperta a Salvini dai ragazzi di Castenaso (gli idioti del gommone)

L’sms della Lega: «il 26 gennaio VOTA LEGA per Lucia BORGONZONI»

 

View this post on Instagram

Decine di cittadini di Castenaso, alle porte di Bologna, mi hanno scritto per segnalarmi quello che vedete. Messaggi al proprio numero di cellulare con l’invito a votare Lucia Borgonzoni e Lega. Questi cittadini si stanno chiedendo come la Lega sia in possesso dei loro numeri dato che non gli risulta di aver rilasciato alcun consenso per ricevere messaggi elettorali e inviti al voto. Sto raccogliendo uno per uno questi messaggi per farne una GIGANTESCA segnalazione al Garante della Privacy. Se Lega e Borgonzoni hanno ottenuto questi numeri in modo lecito non avranno alcun problema a dimostrarlo al Garante. Giusto?! #castenago #bologna #maranello #massaggio #elettorale #consenso #cellulare #lega #borgonzoni #garante #garanteprivacy

A post shared by Cathy La Torre (@avvocathy) on

In pochi minuti, ha dichiarato l’avvocata, le sono arrivate centinaia di segnalazioni per questo sms dagli abitanti del comune di Castenaso. Tutti i messaggi e le e-amil ricevute specificano la stessa cosa: io i dati non li ho mai rilasciati. L’sms invita in maniera diretta a votare per la Lega e per Lucia Borgonzoni specificando anche i nomi delle preferenze. Poiché chi ha ricevuto l’sms ha specificato di non aver mai concesso i propri dati alla Lega o ai suoi candidati Cathy La Torre si sta attivando per segnalare l’accaduto al Garante per la Privacy.

«Raccoglierò tutti i messaggi per fare una segnalazione al Garante della Privacy»

Lega e Borgonzoni sono avverti, dunque. Gli estremi per la denuncia, secondo la professionista, ci sono tutti. Considerato che il permesso di utilizzare i dati non è stato dato a nessuno Cathy La Torre farà una «gigantesca segnalazione al Garante della Privacy» e qualora dovesse venire fuori che la Lega ha «ottenuto questi numeri in modo lecito non avranno alcun problema a dimostrarlo». Al contrario, invece, saremmo davanti a un «illecito gravissimo» le cui «responsabilità e sanzioni potrebbero essere enormi». Vedremo cosa emergerà dopo le indagini di Garante e Polizia.