La pista degli inquirenti sulle minacce di morte a Silvia Romano conduce a gruppi di estrema destra

di Ilaria Roncone | 19/05/2020

  • La giovane ha ricevuto moltissimi insulti e minacce sul web

  • Quelle più pericolose provengono da profili fake e anonimi

  • Le persone che sarebbero dietro questi profili, secondo gli inquirenti, sarebbero legate all'estrema destra

Sono in corso le indagini dei carabinieri del Ros in seguito all’episodio della bottiglia di vetro lanciata contro la finestra di Silvia Romano e agli attacchi ricevuti sui social, che comprendono anche minacce di morte. Sono al vaglio 40 minacce di morte che, secondo la pista che sta emergendo durante le indagini, sarebbero riconducibili a personaggi di gruppi dell’estrema destra.

LEGGI ANCHE >>> Il messaggio di Silvia Romano ai musulmani italiani: «A presto in sha Allah!»

Silvia Romano, indaga l’antiterrorismo di Milano

A Milano si indaga per le minacce aggravate ricevute da Silvia Romano e il cerchio si sta stringendo su 40 messaggi valutati come più pericolosi degli altri. Alberto Nobili, pm di Milano, è a lavoro con la sua squadra di inquirenti per trovare e punire i colpevoli della campagna di odio che ha investito la volontaria al suo ritorno in Italia, avvenuto lo scorso 11 maggio. Tra le numerose minacce ricevute – come se non bastassero 18 mesi di prigionia tra Somalia e Kenya -, Silvia Romano deve ancora avere a che fare con la violenza della natura umana e patirne le conseguenze. Gli insulti si sono susseguiti in seguito – in particolar modo – all’annuncio della conversione all’Islam della ragazza e del presunto riscatto per liberarla dalla prigionia.

Le minacce più concrete per la vita di Silvia arrivano dall’estrema destra

Silvia è stata sentita dal pm qualche giorno fa ricevendo una precisa richiesta: indicare gli screenshot degli insulti e delle minacce ricevute dal momento in cui è rientrata in Italia. Tra i messaggi valutati più pericolosi per la vita della giocane sono emersi quelli di una serie di profili fake anonimi e – come emerge dalle indagini – probabilmente legati a persone appartenenti a gruppi di estrema destra.

(Immagine copertina dal video del rientro in Italia di Silvia Romano di Repubblica)