Rula Jebreal a mezzanotte e Roger Waters cancellato, le polemiche sulla prima serata

di Thomas Cardinali | 05/02/2020

polemiche Rula Jebreal

Conferenza stampa infuocata quella dopo la prima serata del Festival di a Sanremo 2020 che ha visto ascolti record. Come da tradizione però non sono mancate le polemiche da parte della stampa accreditata, che si è focalizzata molto su due argomenti: l’orario del monologo di Rula Jebreal andato in onda a mezzanotte e la cancellazione del video messaggio d Roger Waters.

LEGGI ANCHE > Fiorello a Sanremo 2o2o annuncia: «Mai più ospite, ma tornerei in gara»

Polemiche Rula Jebreal, il monologo mandato in onda tardi

Il direttore artistico Amadeus ha provato a dare una risposta molto istituzionale su Rula Jebreal e Roger Waters: «Non era pronto il video, ero in diretta e ho dovuto saltare a quello successivo. Per quanto riguarda Rula Jebreal la composizione della scaletta non è pensata in base agli orari. Credo che che Sanremo sia un’unica grande prima serata e non penso che cambi da 23:30 a mezzanotte e mezza. Lo vado a comporre cercando un’armonia, non ho la verità in tasca ma solo per questo. Non programmi due lenti insieme con le canzoni, anche qui ho ragionato in questo modo».

Anche il direttore di Rai 1 Stefano Coletta ha detto la sua sui due temi scottanti della prima serata di Sanremo 2020: «Fasulo non poteva entrare e parlare con Amadeus. Le scalette che vi consegnano ammettono possibilità di variazione. Questa non è stata una censura. Io come direttore di Rai 1 ho pensato che il preludio di Roger Waters fosse uno start al monologo di Rula Jebreal davvero ritardante rispetto a questo quadro che bastava. Penso che non ci fosse bisogno. Non parlavamo di fiction ma di un dato biografico. Rula è andata in onda a quell’ora per questioni narrative, prima delle 22:30 non si può parlare di suicidio in una prima serata. Sono contento fosse in quella posizione perché davvero è stato un momento più adeguato alla seconda parte».

Polemiche Rula Jebreal, la risposta di Coletta

Davanti all’insistenza della sala stampa poi il direttore di Rai perde la pazienza è rivendica la paternità della scelta: «Sono abbastanza esterrefatto dall’insistenza, non so di queste voci. Io sono arrivato a Sanremo mercoledì e il primo giorno ho fatto 8 ore di riunione con Claudio Fasulo. Lui mi ha fatto vedere questo materiale un giorno e mezzo prima, quando si va in onda si rifanno le prove. La lunghezza non è stata una motivazione, quando ho visto in scena il monologo di Rula da autore ho detto che bastava non solo per un discorso di ascolto ma perché esiste la libertà autoriale. Se Roger Waters fosse stato collegato in diretta sarebbe stato in diretta, se il monologo avrebbe avuto bisogno di una integrazione poetica dato che c’era anche un riferimento ad un poeta. Il suo era un benvenuto a Sanremo per Rula Jebreal e su quanto abbia fatto bene Amadeus ad includere tante donne. Questa è stata una mia decisione autoriale. Il video è sul cellulare di Rula Jebreal, se lo riterrà opportuno ce lo fornirà e potremo renderlo fruibile su Rai Play».