Caso Suarez, nelle telefonate spunta il nome di Paratici: «È più importante di Mattarella»

Il nome del Chief Football Officer sarebbe nelle carte dell'inchiesta

24/09/2020 di Redazione

Paratici

In che modo il nome di Fabio Paratici, Chief Football Officer della Juventus, è emerso nelle intercettazioni al vaglio della procura di Perugia in merito al caso dell’esame B1 di lingua italiana per Luis Suarez? In realtà, al momento, le conversazioni sono piuttosto generiche, anche se abbastanza colorite. Stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, ad esempio, ci sarebbe stata una frase del direttore generale dell’Università per stranieri di Perugia in cui si sarebbe fatto cenno a una chiamata di Paratici. In tutta risposta, al direttore generale, è stato ribattuto: «È più importante di Mattarella».

LEGGI ANCHE > Cosa diceva il professore dopo l’esame di Suarez e cosa dicono le intercettazioni

Come entra il nome di Paratici nelle conversazioni intercettate dalla procura di Perugia

Bisognerà, dunque, capire a che titolo sia arrivata quella telefonata al direttore generale da parte di Paratici. E se il dirigente bianconero abbia avuto o meno un ruolo nell’organizzazione dell’esame per l’ormai ex calciatore del Barcellona, accasatosi successivamente all’Atletico Madrid.

Il rettore di Perugia e la chiamata di cortesia di Paratici

Ma c’è un’altra circostanza che potrebbe portare a un coinvolgimento della Juventus. Si tratta delle parole del rettore dell’università statale di Perugia – Maurizio Oliviero – che non risulta nel registro degli indagati. Nella versione raccontata al Corriere della Sera (verrà ascoltato come testimone nei prossimi giorni), il docente universitario ha affermato:

«Mi chiamò una persona che fa parte dello staff della Juventus per sapere se nel mio ateneo si poteva sostenere il test B1, io risposi che avrei interessato i colleghi dell’università per gli stranieri».

Sempre Oliviero, ha affermato che Fabio Paratici lo aveva contattato qualche giorno dopo per una telefonata di cortesia, in cui informava che lo staff di Luis Suarez era rimasto molto soddisfatto dell’accoglienza riservata al calciatore. Per la risoluzione della vicenda su cui sta indagando la procura di Perugia, diretta da Raffaele Cantone, ora sarà molto importante capire chi sia stata la persona che fa parte dello staff della Juventus a contattare il rettore della statale.

Share this article
TAGS