Cosa c’è di positivo e cosa c’è di negativo nei dati sul coronavirus del 10 novembre

Picco di decessi e picco di nuovi casi nella giornata di oggi

10/11/2020 di Ilaria Roncone

numeri coronavirus 10 novembre

I dati coronavirus 10 novembre restituiscono un numero di nuovi positivi pari a 35.098 con 217.758 tamponi effettuati mentre i decessi nelle ultime 24 ore sono stati 580. Le persone attualmente positive sono 590.110 e i decessi – con l’alto numero di oggi – salgono a 42.330 da inizio pandemia. I dimessi e guariti sono 17.734 nelle ultime 24 ore. Il dato dei ricoverati oggi segna +1.119 delle quali 122 in terapia intensiva. I tamponi effettuati dall’inizio della pandemia salgono a 995.463 mentre il totale dei casi è di 995.463 nel nostro paese.


LEGGI ANCHE >>> Cosa c’è di positivo e cosa c’è di negativo nei dati sul coronavirus del 9 novembre

Numeri coronavirus 10 novembre, cosa c’è di positivo

Sale di tanto il numero di dimessi e guariti, aiutando gli ospedali ad alleggerire il gran carico di questo periodo: se ieri si erano fermati circa a quota 10 mila oggi superiamo le 17 mila unità di persone uscite dagli ospedali e dichiarate guarite. Cala, seppure leggermente, il rapporto tra tamponi effettuati e nuovi casi individuati: siamo al 16,11%, ieri eravamo al 17,10%. A tal proposito Giovanni Rezza fornendo i dati ha affermato che «la curva epidemiologica sta deflettendo perché sta aumentando meno delle scorse settimane».

Numeri coronavirus 10 novembre, cosa c’è di negativo

Il numero di vittime oggi sale di parecchio arrivando a 580 decessi causati dal Covid contro i 356 registrati ieri. I morti non sono così tanti dal 14 aprile e durante la seconda ondata non abbiamo mai registrato così tante vittime. Negativo anche il dato delle terapie intensive con 122 nuovi pazienti che necessitano di questi tipo di cure rispetto ai 100 di ieri. Come nelle altre giornate il maggiore aumenti di nuovi contagi si registra in Lombardia, che sfonda la soglia dei 10 mila nuovi casi (+10.955), seguita dal Piemonte (+3.659) e Veneto (+2.763). A seguire troviamo Campania (+2.716), Lazio (+2.608) e Emilia Romagna (2.430).

Share this article