Matteo Salvini rifiuta il cartello del reddito di cittadinanza che gli passa Casalino | VIDEO

di Gianmichele Laino | 18/01/2019

  • Presentato il decretone con reddito di cittadinanza e quota 100

  • Matteo Salvini ha usato un cartello diverso nella foto di rito

  • La prova che Lega e M5S sono separati in casa

Le chiamano photo opportunity. Sono momenti simbolici che i politici utilizzano per mostrare il loro profilo migliore agli elettori attraverso le pagine dei giornali. Matteo Salvini, però, ci tiene particolarmente a questi istanti. E li utilizza molto spesso per mandare messaggi subliminali. Anche ieri, 17 gennaio, nel corso della conferenza stampa di presentazione di quota 100 e del reddito di cittadinanza, il leader della Lega ne ha voluto mandare uno, davvero molto forte, al presunto alleato di governo M5S.

Matteo Salvini e il cartello diverso rispetto a Conte e Di Maio

Ieri, infatti, sono state approvate in consiglio dei ministri le due misure più caratteristiche della campagna elettorale dei due partiti che condividono il governo ma che sono, di fatto, separati in casa. Anche nei simboli. Luigi Di Maio e il Movimento 5 Stelle hanno spinto per il reddito di cittadinanza. Matteo Salvini per quota 100. Ma mentre il leader pentastellato e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si intestano entrambe le misure, Matteo Salvini vuole prendere le distanze il più possibile sul reddito di cittadinanza.

Anzi, in cuor suo spera che questa misura – così difficile da attuare e così complessa all’accesso – sia la Caporetto del Movimento 5 Stelle. Per questo, vuole sconfessarla anche nei gesti. Ieri, al termine della conferenza stampa, i tre vertici del governo (premier e due vicepremier) dovevano essere fotografati con i cartelli celebrativi di reddito di cittadinanza e quota 100. Mentre Di Maio e Conte avevano la slide (o, meglio, la tavola riassuntiva) giusta, Salvini ne aveva una personalizzata. Dove la parola reddito di cittadinanza non compariva.

L’inutile tentativo di Casalino con Matteo Salvini

Inutile l’estremo tentativo del portavoce del presidente del Consiglio Rocco Casalino di avvicinarsi al ministro dell’Interno per dargli il cartello «giusto». Il microfono era spento e quindi non sapremo mai che cosa i due si sono detti. Ma sappiamo, invece, dai gesti che Salvini ha categoricamente rifiutato il cartello offertogli da Casalino.

Nella foto, Salvini è sorridente con il cartello della quota 100, mentre Di Maio e Conte si fanno immortalare con quello del reddito di cittadinanza e di quota 100. Un segnale al governo, un messaggio da separati in casa. Della serie: io vado per la mia strada e voi per la vostra. Nonostante in conferenza stampa, Salvini abbia auspicato a questo governo una lunga vita («Almeno per i prossimi 10 anni»), la strada dello strano matrimonio Lega-M5S sembra segnata. Un domani, se il reddito di cittadinanza dovesse fallire, i Luca Morisi del futuro potranno dire: «Noi con quella misura non c’entriamo: anche nella foto lo avevamo dimostrato». Peccato che, tra immagine e fatti, passi un sacco di acqua sotto ai ponti.