Il filone delle Bimbe Giuseppe Conte: «Abbiamo perso la testa per lui, ma non c’è nessun progetto dietro»

di Redazione | 22/05/2020

le bimbe di giuseppe conte
  • Le Bimbe di Giuseppe Conte sono un vero e proprio filone su Instagram

  • Abbiamo avuto modo di intervistare Giulia, la fondatrice di uno degli account fan del presidente del Consiglio

  • "Nessun progetto dietro, solo passione per lui"

Basta digitare poche parole chiave nella barra di ricerca di Instagram per accorgersi che il filone delle ‘Bimbe di…‘ è un vero e proprio format. Nessuno viene risparmiato, soprattutto tra le personalità della politica. E in pieno lockdown il protagonista indiscusso di questa tipologia di format è stato proprio Giuseppe Conte. Le sue pagine fan, denominate Le Bimbe di Giuseppe Conte o Le Bimbe Giuseppe Conte hanno radunato – complessivamente – oltre 400mila followers. L’account più diffuso è @lebimbedigiuseppeconte con 380mila followers, ma anche @lebimbegiuseppeconte ha raggiunto quasi la fatidica soglia dei 10mila utenti.

LEGGI ANCHE > Giuseppe Conte dice che i capelli se li taglia da solo

Il fenomeno delle Bimbe di Giuseppe Conte

Abbiamo parlato con Giulia, che – a inizio lockdown – ha iniziato a postare foto e video di Giuseppe Conte sull’account Instagram appositamente creato. Preferisce restare anonima e non esporsi, ma sulle ragioni che l’hanno spinta a creare l’account Instagram dedicato al presidente del Consiglio è molto chiara: «Tutto è nato dall’interesse nei confronti di Giuseppe Conte, un uomo così affascinante e carismatico, capace di conquistare moltissime donne (e non solo) di tutte le età. Avevo molte foto nella galleria del mio cellulare così ho deciso di condividerle creando la pagina @lebimbegiuseppeconte. In seguito al lockdown si è stati tutti coinvolti nella politica, volenti o nolenti, e Giuseppe Conte mi ha fatto perdere letteralmente la testa».

A differenza dell’altro account Instagram (quello da 380mila like, per intenderci), l’account di Giulia raccoglie fotografie e video il più possibile esclusivi riguardanti il presidente del Consiglio. Vecchie foto della sua giovinezza, articoli di giornale che parlavano di lui prima ancora che diventasse premier, immagini d’archivio che non si trovano spesso sulle pagine dei quotidiani o in televisione: «Mi piace proporre sia foto che video più esclusivi possibili, non “meme”. Sì sono sorpresa, anche se Giuseppe Conte è un uomo che ti conquista con i suoi modi di fare: c’è un video in rete dove accarezza un gattino, oppure addirittura la gelateria che frequentava a Roma aveva creato il gusto “presidente” in suo onore. Ed è scontato che dove passa lascia il segno. Lui si fa amare».

Le cause che hanno spinto a fondare gli account Le Bimbe di Giuseppe Conte

Una vera e propria infatuazione? Sembrerebbe di sì. Ma, stando alle parole di Giulia, non c’è nessun fine elettorale o propagandistico nell’account @lebimbegiuseppeconte. Anzi, per il momento non c’è all’orizzonte nemmeno la creazione di un blog (che, solitamente, è sempre il passaggio successivo rispetto a un account Instagram di successo). «La pagina è nata in autonomia e non c’è nessun progetto dietro. Per il momento l’account va bene così».

Innegabile, tuttavia, che il format le ‘Bimbe di…’ stia avendo successo e stia coinvolgendo tantissimi politici, soprattutto in un periodo – come il lockdown – in cui la politica è stata protagonista delle nostre vite quotidiane. Una cosa che fa riflettere su quanto, in tempi normali, le istituzioni siano percepite come distanti e come poco influenti nella vita di tutti i giorni. Solo le restrizioni delle libertà personali, gli atti amministrativi come i dpcm, le misure di sostegno attive alla popolazione in difficoltà hanno riacceso un interesse nella politica in una fetta di cittadinanza che, normalmente, sembrava ‘dormiente’. Sono nati così gli account delle Bimbe di Sergio Mattarella o delle Bimbe di Vincenzo De Luca. Giulia non ha contatti diretti con loro, ma sottolinea: «Io opero in autonomia, anche se ogni tanto qualche “bimba” mi invia in direct qualche fotografia che, se mi dovesse piacere ripubblico, taggandola». Insomma, nessun cross-over sembra essere escluso.