In Afghanistan i giornalisti che seguono le proteste vengono torturati

La situazione che i giornalisti in Afghanistan vivono è molto lontana da quel rispetto della libertà di stampa promesso dai talebani

09/09/2021 di Ilaria Roncone

La libertà di stampa promessa dai talebani era solo un’illusione. I rapporti e le testimonianze dall’Afghanistan provano che i giornalisti vengono arrestati e torturati di questi tempi. Lo scorso 17 agosto l’allora portavoce del gruppo, Zabihullah Mujahid, aveva affermato che «i media privati possono continuare ad essere liberi e indipendenti e continuare le loro attività» poiché «l’imparzialità dei media è molto importante. Possono criticare il nostro lavoro in modo che possiamo migliorare».

Tra il dire e il fare, però, c’è di mezzo il mare. Nonostante questa cosa sia stata anche ribadita, la verità è che gli effetti del nuovo regime sul lavoro giornalistico si percepiscono chiaramente. Sono settimane che i social media si riempiono di immagini di combattenti armati che intralciano i giornalisti Afghanistan che provano solo a fare il loro lavoro, arrivando a commettere anche gravi abusi.

LEGGI ANCHE >>> La giornalista di ToloNews che aveva intervistato in diretta il portavoce talebano lascia l’Afghanistan

Giornalisti Afghanistan torturati se seguono le proteste

Nell’ottica di un giornalismo libero che evidenzia le mancanze del governo in carica, la copertura delle proteste cittadine è uno tra i primi immancabili compiti. I talebani, però, sono stati accusati di aver picchiato e incarcerato dei reporter che stavano dando copertura alle proteste a Kabul. Taqi Daryabi e Nematullah Naqdi, giornalisti della testata Etilaatroz, sono stati arrestati mentre coprivano una protesta fatta da donne nella parte ovest della città mercoledì mattina.

Due dei loro colleghi e il direttore del giornale – come riporta Al Jazeera – si sono presentati alla stazione di polizia per chiedere informazioni in merito alla cattura. Il solo presentarsi lì ha fatto si, secondo la loro testimonianza, che i talebani li picchiassero e confiscassero i loro oggetti personali, compreso lo smartphone. I tre sono poi stati condotti in una piccola cella con altre 15 persone al suo interno – due delle quali erano reporter uno di Reuters e uno dell’agenzia turca Anadolu – per poi essere picchiati brutalmente -.

I cinque uomini sono stati rilasciati tutti quanti dopo svariate ore di tortura non prima di aver ricevuto un avvertimento da uno dei talebani.

«Coprire una manifestazione illegale è infrangere la legge»

Altro che libertà di stampa. «Quello che questi manifestanti stavano facendo è illegale e, coprendo queste cose, avete tutti infranto la legge – avrebbe affermato uno dei talebani alla stazione di polizia – Vi lasceremo andare questa volta, ma la prossima volta non sarà così facile». Attualmente, in Afghanistan, le proteste sono regolamentate da un decreto emesso dai talebani: ogni atto di protesta e gli slogan devono essere approvati 24 ore prima della manifestazione dal ministero della Giustizia.

Al Jazeera ha provato a contattare i talebani per chiedere conto di questa testimonianza ma, dall’altro lato, non c’è stata risposta. Amnesty International, dal canto suo, ha denunciato la violenza contro i giornalisti nel paese. I talebani si mostrano in tv e quando comunicano con gli altri paesi in un modo mentre con il popolo che governano si comportano in tutt’altra maniera, rendendo il lavoro giornalistico di inchiesta e copertura delle proteste impossibile.

Share this article
window._taboola = window._taboola || []; _taboola.push({ mode: 'thumbnails-b', container: 'taboola-below-article-thumbnails', placement: 'Below Article Thumbnails', target_type: 'mix' }); -->