Carlo Freccero fa tornare Grillo su Raidue in prima serata

di Redazione | 25/01/2019

Grillo su Raidue
  • Carlo Freccero ha dedicato una serata di Raidue a Beppe Grillo

  • C'è Grillo andrà in onda il 28 gennaio

  • Che sia il prologo di uno show live del fondatore del Movimento 5 Stelle?

Carlo Freccero è riuscito a ‘riportare’ Grillo su Raidue. Ovviamente – lo diciamo per chiarire sin da subito – non si tratta (almeno non ancora) di uno show live del comico genovese. La trasmissione C’è Grillo, che andrà in onda su Raidue lunedì 28 gennaio alle 21.20, non è altro che una sorta di rubrica sui grandi personaggi che hanno avuto un ruolo controverso all’interno del mondo della televisione pubblica. C’è già stata, ad esempio, una puntata dedicata ad Adriano Celentano, ce ne saranno altre dedicate a Funari, a Tortora, a Benigni.

LEGGI ANCHE > Freccero ‘invade’ gli schermi e presenta Ultimo Tango a Parigi | VIDEO

C’è Grillo, Carlo Freccero riporta Grillo su Raidue

Ma Beppe Grillo, ovviamente, fa più rumore perché – tra tutti – è il più politico. Fondatore del Movimento 5 Stelle, adesso il suo partito ha la maggioranza relativa in Italia (dopo le elezioni del 4 marzo) ed è forza di governo insieme alla Lega.

L’altro piccolo cotrocircuito è causato dal fatto che Carlo Freccero, direttore di rete di Raidue, è stato nominato per questa carica proprio in quota M5S. Insomma, ci sono tutti gli elementi per ipotizzare una sorta di patto trasversale per ridare visibilità televisiva al comico, sul servizio pubblico per giunta.

Perché c’è Grillo su Raidue?

In realtà, non ci sarà nulla di particolarmente nuovo. C’è Grillo, infatti, sarà una sorta di Blob (o di Techetechetè, se preferite) che unirà attraverso il montaggio i momenti più esilaranti del comico transitato nella Rai degli anni Ottanta e Novanta. Beppe Grillo, infatti, è stato un volto importante della televisione pubblica: da quando però si è dedicato alla politica, la sua presenza in televisione si è limitata fortemente.

Ora Carlo Freccero gli concede questo omaggio. E la domanda non può che sorgere spontanea: e se C’è Grillo rappresentasse una sorta di prologo di un possibile show live del comico nei prossimi mesi?