Olimpiadi 2026, Toninelli tifa ancora per Torino: «È la scelta migliore»

di Redazione | 21/09/2018

decreto genova

La città di Torino si è sfilata dalla candidatura alle Olimpiadi invernali del 2026 condivisa con Milano e Cortina. La sindaca M5S Chiara Appendino si è impuntata sulla linea ‘Torino da sola o niente’. Danilo Toninelli le fa oggi da sponda dicendo di considerare il capoluogo piemontese la scelta migliore per l’organizzazione dei Giochi. «Rimango personalmente dell’idea – ha dichiarato oggi il ministro delle Infrastrutture e dei Traporti a Torino, a margine dell’inaugurazione di una nuova via pedonale e digitalizzata – che quella di Torino sia la scelta migliore da tutti i punti di vista, soprattutto da quello della convenienza economica e strutturale vista l’esperienza passata, e che l’idea di tre città sia quantomeno caotica e difficilmente percorribile perché è anche la più costosa».

Candidatura alle Olimpiadi invernali 2026, Toninelli: «Torino è la scelta migliore»

Secondo Toninelli, «ha ragione Di Maio quando dice che lo Stato non deve mettere soldi sulle Olimpiadi perché dobbiamo mettere in sicurezza ponti, viadotti, gallerie che i precedenti Governi hanno abbandonato. Mi sembra più giusto mettere lì i soldi». Sul fronte politico, intanto: «So che sulle Olimpiadi la Lega fa ragionamenti diversi. Appena sarà utile – ha dichiarato ancora il ministro –, faremo un giusto Consiglio dei ministri e troveremo come in tutte le questioni una soluzione condivisa».

L’impasse

Il Coni (il Comitato Olimpico Nazionale Italiano) dovrebbe presentare al Cio (il Comitato Olimpico Internazionale) la propria candidatura per ospitare le Olimpiadi invernali 2026 entro mercoledì prossimo. I 5 Stelle, con Di Maio in testa, insistono sul ‘no’. Ma c’è chi, come Milano e Cortina, non vuole buttare via l’occasione, anche superando l’ipotesi delle tre città. A chiedere a Torino (e al governo, che deve dare il via libera) di ripensarci sono soprattutto il governatore della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, il numero due della Lega. Il governatore ha anche riconvocato il tavolo con sindaci e amministratori per tentare di ricostruire la candidatura a tre. Il confronto (o scontro) è aperto.

(Foto di copertina da archivio Ansa: il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli. Credit immagine: ANSA / ALESSANDRO DI MARCO)