|

Tutti pazzi per Elisa a Venezia75. E Matteo?

La prima giornata del Festival del Cinema di Venezia ha già dettato l’asticella: quest’anno cultura e politica si intrecciano. Matteo Salvini è atteso, applaudito e fischiato, ma si rende protagonista. Tranne che sul red carpet, dove tutti gli occhi sono per la sua fidanzata Elisa Isoardi.

Isoardi a Venezia75, il vero film è Matteo Salvini

Il botta e risposta tra il padrino del festival Riondino e Salvini hanno aperto le danze, seguite dalla dedica di Ilaria Cucchi del film «Sulla mia pelle» sempre a Salvini, e con i commenti sulla politica di non accoglienza di Vanessa Redgrave. Il leader del carroccio sembra essere protagonista di questa edizione, ma c’è qualcuno che è riuscito a metterlo in ombra: la sua fidanzata.

LEGGI ANCHE >Elisa Isoardi pronta a stare nell’ombra per amore di Matteo Salvini

Isoardi a Venezia75, il suo debutto da first lady diventa un first-man per Salvini

Arriva sul Red carpet e tutti si scordano del vicepremier. Elisa Isoardi si trova al festival perché stasera riceverà il premio “Diva e Donna“, organizzato dall’omonimo settimanale, ma già ieri si è fatta notare. Per il suo primo tappeto rosso da quasi first-lady, Elisa ha scelto un abito firmato Elisabetta Franchi, dal color blu petrolio e dallo spacco vertiginoso, ricoperto di ricami in paiettes e semitrasparente. La neo conduttrice de La prova del cuoco ha scelto un look molto sensuale per la proiezione di First Man con Ryan Gosling, lasciando il suo di first-man ai margini della passerella. Matteo infatti era a pochi metri da lei, deciso a non rubarle  la scena.

Venezia #mostradelcinemadivenezia #firstman @elisabettafranchi @pasqualebruni

A post shared by Elisa Isoardi (@elisaisoardi) on

Iasoardi a Venezia75, Salvini accompagna

Appena finita la passerella spunta al Lido il vicepremier. Ha raggiunto la fidanzata alla terrazza della Biennale, prodigandosi in baci e foto rituali. Ma a parte qualche applauso, non vuole essere lì in quanto vicepremier. Ci aveva già pensato il giorno prima quando a Palazzo Balbi, sede della Regione, ha trovato un centinaio di ragazzi veneti che manifestavano contro la reintroduzione della leva obbligatoria. Le polemiche però, Matteo le lascia fuori dal Red Carpet, dove si accontenta di fare il fidanzato amorevole (per ora). Intanto oggi ha incontrato Zaia per la sottoscrizione del protocollo di legalità per la Pedemontana Veneta. Vedremo cosa riserverà per stasera.

LEGGI ANCHE >Salvini e Isoardi scacciano la crisi e vanno insieme all’ambasciata svizzera. Il ministro: «Atto di coraggio»

(Credits immagine di copertina: ANSA/ETTORE FERRARI)