Fico nega il party esclusivo alla Camera organizzato dal M5S per festeggiare lo stop ai vitalizi

di Gianmichele Laino | 13/07/2018

vitalizi bloccati

Avevano organizzato un party M5S nell’esclusivo chiostro di Palazzo Valadina – uno degli edifici che fanno parte del complesso di Montecitorio – per festeggiare il ricalcolo delle pensioni degli ex parlamentari, approvato dall’ufficio di presidenza della Camera nella giornata di ieri e salutato con palloncini e gonfiabili in piazza Montecitorio dai deputati pentastellati.

LEGGI ANCHE > Hanno approvato il taglio dei vitalizi, il M5S festeggia in piazza

Party M5S, l’annullamento dell’evento a Palazzo Valadina

Il brindisi era stato organizzato nel pomeriggio, secondo quanto riportato da Repubblica, ma il buon senso del presidente della Camera Roberto Fico ha impedito il suo svolgimento. Sarebbe stato come festeggiare l’abolizione di un privilegio con un altro gesto privilegiato. L’accesso a palazzo Valadina, infatti, non è aperto a tutti. La regia della festa sarebbe stata di Rocco Casalino, che non ha seguito il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Bruxelles, impegnato nel vertice Nato, ma è rimasto a Roma per salutare la vittoria del Movimento 5 Stelle su uno dei suoi temi storici. Questioni di priorità, insomma, nonostante Donald Trump – proprio nel corso di quel vertice – abbia rischiato di far saltare l’alleanza atlantica dopo settant’anni di storia.

Party M5S, il buon senso di Roberto Fico

Il brindisi, quindi, si è trasformato in una manifestazione di piazza per espresso divieto di Roberto Fico. Che, nel pomeriggio, ha comunque dovuto far fronte a una fronda interna all’ufficio di presidenza contraria al provvedimento. C’è chi lo ritiene incostituzionale e chi pensa che la Camera sarà sommersa da una valanga di ricorsi, molti dei quali probabilmente vincenti.

L’ufficio di presidenza ha fatto presente a Roberto Fico che, in caso di annullamento da parte della Consulta di questo suo provvedimento, la terza carica dello Stato sarebbe costretta a dimettersi. Ma Fico ha tirato dritto per la sua strada. E ha messo la sua firma sul ricalcolo delle pensioni per gli ex parlamentari. Poi, la festa c’è stata. Senza le bollicine e l’esclusività del chiostro di Palazzo Valadina, ma con la più «movimentista» piazza a 5 Stelle. Un trionfo di video, di selfie e di hashtag #ByeByeVitalizi.

[FOTO: ANSA/MASSIMO PERCOSSI]