Merkel e Macron e quelle secche smentite alla conferenza stampa di Conte al Consiglio europeo

di Redazione | 29/06/2018

francia migranti

Il Consiglio europeo si è concluso positivamente per il primo ministro Giuseppe Conte e in conferenza stampa non ha fatto nulla per nasconderlo. Peccato che a stretto giro di posta siano arrivate le repliche del presidente della Repubblica Macron e della cancelliera Angela Merkel che hanno smentito totalmente o in parte Conte.

LEGGI ANCHE > Conte cambia idea sull’esito del Consiglio europeo (dopo aver ascoltato le parole di Salvini)

Conte smentito in conferenza stampa al Consiglio europeo

“Abbiamo rivoluzionato il tavolo. Stiamo parlando di 28 Paesi, ma siamo riusciti a far passare il principio dell’approccio condiviso”, ha affermato il premier affermando che racconterà il clima del Consiglio anche al presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Inoltre, Conte ha anche parlato di Macron e del principio del primo Paese d’arrivo per i migranti: “Macron era stanco, abbiamo lavorato fino a notte fonda, lo smentisco. Nell’art 6 non si parla di paese di primo approdo mentre si parla nell’articolo 12 della riforma di Dublino e del diritto d’asilo“.

Con Salvini, poi, l’intesa è totale: “Un voto all’accordo? C’è una lieve differenza con Salvini. Ho letto una sua dichiarazione, valuta l’accordo buono al 70%, io direi all’80%. Non al 100%. Se l’avessi scritto io dall’80 arrivavamo al 100%“.

Conte e gli interventi di Macron e Merkel dopo Consiglio europeo

Parole, tutte queste, smentite da Macron, almeno sull’accoglienza riservata ai paesi d’approdo: “Il concetto di Paese di primo arrivo non si puo’ cancellare. I centri si devono fare lì“.

Com’è possibile avere già due posizioni così distanti? Possibile è possibile, soprattutto se Macron si è accorto di avere perso una partita decisamente importante.

Sul tema è intervenuta anche Merkel: “Nelle prime ore del mattino sull’immigrazione abbiamo raggiunto un risultato che io definirei un passo importante nella giusta direzione. Come potete ben immaginare, da parte degli Stati membri sono state prese posizioni molto diverse e il fatto che siamo stati in grado di portare tutto insieme su tutti gli aspetti ci consente di dire che abbiamo trovato una risposta adeguata su tutte le questioni“.

(Foto credits: Ansa)