Scanzi invita Di Maio a ridere di meno per il governo con Salvini

di Redazione | 15/05/2018

Tav

Di Maio dovrebbe ridere meno per la felicità di governare con Salvini. L’invito è partito dalle colonne del Fatto Quotidiano, che ha pubblicato un commento dell’editorialista Andrea Scanzi in merito all’eccessiva contentezza esibita dal capo politico del M5S.

Per Scanzi Di Maio deve misurare l’orgasmo politico per il governo con Salvini

«Cè una domanda che, in questi giorni, sorge spontanea: “Di Maio, ma che ti ridi?”. Da quando è diventato imminente il Salvimaio, il leader del Movimento 5 Stelle ostenta un entusiasmo che pare appena esagerato.  E forse perfino immotivato», scrive Scanzi. L’editorialista del Fatto Quotidiano ironizza sulla definizione di “fare la storia” utilizzata da Di Maio per descrivere la trattativa tra M5S e Lega, visto che sta parlando con Casalino e Laura Castelli, non con Stalin e Roosevelt alla conferenza di Yalta.

 

 

«Ci sono almeno tre motivi per cui Di Maio dovrebbe misurare questo smodato orgasmo politico», sottolinea Andrea Scanzi, elencando le seguenti cause: il primo è la maggior scaltrezza della Lega rispetto al M5S, visto che si tratta di un partito politicamente molto più esperto, che è stato già molti anni al governo e amministra le più importanti regioni del Nord da decenni; il secondo motivo è la forte differenza esistente tra i Cinque Stelle e il partito di Salvini, con cui si può varare un governo di emergenza che non annulla certo le distanze politiche.

LEGGI ANCHE> DI BATTISTA SULLA COLF IN NERO DI FICO: «DOVREBBE INTERVENIRE SULLA COMPAGNA»

Di Maio
ANSA/ALANEWS

 

L’ultimo motivo è che il M5S ha molto più da perdere rispetto alla Lega in caso di fallimento. Di Maio potrebbe essere all’ultimo giro per il vincolo del doppio mandato, mentre Salvini può tranquillamente aspettare nuove elezioni per vincerle nettamente con Berlusconi. Andrea Scanzi ammonisce Di Maio sul rischio di sopravvalutarsi politicamente, pensandosi di esser più furbo del centrodestra. Una preoccupazione che dovrebbe spingerlo a sorridere di meno, rimarca l’editorialista del Fatto Quotidiano.