Iva Zanicchi
|

Iva Zanicchi (che ha votato Pd) vuole che Renzi diventi il leader di Forza Italia

Il microfono scelto per cantare quattro parole al mondo della politica italiana, che l’ha sedotta e abbandonata, è quello della trasmissione di Radio1 Un Giorno Da Pecora. Iva Zanicchi parla delle ultime elezioni e del successivo stallo, delle sue preferenze e di quelle dei suoi familiari. E, infine, sgancia la bomba: «Matteo Renzi dovrebbe tornare ad Arcore, parlare con Berlusconi e diventare leader di Forza Italia, così almeno scappa da quel misero 10% che ha».

LEGGI ANCHE > Iva Zanicchi: «Sempre fedele a Silvio, ma ammetto che Renzi mi piace» 

Iva Zanicchi e la proposta per Renzi

Del resto, la celebre cantante di Zingara, soprannominata da tutti l’aquila di Ligonchio, ha affermato di aver votato per il Partito Democratico alle elezioni del 4 marzo. Una vera notizia, visto che lei stessa era stata una delle punte di diamante della squadra di Silvio Berlusconi (dopo essere stato anche il popolare volto Mediaset di Ok, il prezzo è giusto) con l’elezione al Parlamento europeo dal 2009 al 2014.

«Non l’ho detto a Berlusconi e non mi interessa dirglielo – ha affermato Iva Zanicchi -. Ho votato Pd perché sono una mamma e li ho visti in difficoltà: una mamma e una nonna va sempre con i più deboli. Del resto non voterei mai per il Movimento 5 Stelle e quando mio genero e mio nipote mi hanno detto che li avevano votati…». A questo punto, scatta il sottinteso. Ma il concetto è piuttosto chiaro.

Iva Zanicchi attende la direzione del Pd di domani

Resta il fatto che, per la ex cantante, Matteo Renzi resta l’unico erede in attività di Silvio Berlusconi: secondo la Zanicchi, l’ex presidente del Consiglio dovrebbe caricarsi sulle spalle la responsabilità di guidare Forza Italia. Una soluzione possibile per la cantante, visto anche il rifiuto di Renzi di formare un governo con il Movimento 5 Stelle: «Tuttavia, sarebbe un governo più di sinistra – ha affermato la Zanicchi – vedremo cosa dirà in proposito nella prossima direzione del partito».

(FOTO: ANSA/ANGELO CARCONI)