L’universo delle «pancine» e delle «faciline» diventa un format per il web | VIDEO

di Redazione | 15/01/2018

Una giornata tipo delle pancine? Castità assoluta in ufficio e tra le mura domestiche, con tanto di cellophane sulle lenzuola e doccetta finale per evitare «una gioia». Quella delle faciline, invece? Ammiccamenti, qualche libertà di troppo e un insolito scambio di ruoli a letto. Il tutto in un video di tre minuti nato dalla collaborazione tra l’azienda Pleasure4You e Il Signor Distruggere.

LEGGI ANCHE > Il Signor Distruggere e la piaga delle mamme pancine: «Il problema è l’ignoranza bigotta»

SEXY SHOP ONLINE, UN NUOVO FORMAT DEL WEB

Si ispirano, infatti, proprio ai personaggi presi in giro dalla satira irriverente di Vincenzo Maisto su Facebook, le sette puntate (giovedì 11 gennaio è uscita la prima, le prossime saranno pubblicate con cadenza settimanale) di un nuovo format per internet intitolato «Eva contro Evah».

La web serie, immaginata per promuovere i sex toys realizzati da Pleasure4You, affronta con ironia il nuovo grande «derby» che impazza sui social network proprio grazie al Signor Distruggere, quello cioè tra pancine e  faciline. Le prime rappresentano, da definizione, «ragazze dai sani principi morali, laureate all’università della vita, che non usano preservativi», le altre sono invece «le ragazze che concedono a chiunque il loro fiore».

SEXY SHOP ONLINE, LA COLLABORAZIONE CON IL SIGNOR DISTRUGGERE

Si immagina un contesto di sliding doors, con la stessa attrice che interpreta entrambi i ruoli. Ovviamente, con esiti diametralmente opposti, ma ugualmente paradossali. L’ironia pungente caratterizza l’esperimento e offre allo spettatore una traduzione per immagini di quello che Il Signor Distruggere lascia soltanto immaginare, riproponendo i post che le cosiddette «pancine» scrivono all’interno di gruppi chiusi e pagine Facebook.

Il format è stato lanciato con successo: in meno di una settimana, il primo capitolo della serie ha totalizzato quasi 200mila visualizzazioni attraverso i vari canali del web. Siete pronti per questo nuovo tormentone?