rubare asciugamani
|

Cosa rischi se rubi asciugamani e sapone dell’hotel?

Fortunatamente la maggior parte di noi non è un ladro di professione. E nemmeno un ladruncolo. Ma tanti, tantissimi di noi, hanno la brutta abitudine di portare via dall’hotel che li ospita per le vacanze qualche ricordo della permanenza. In estate dunque diventa più frequente l’interrogativo sui rischi di un simile fraudolente comportamento. Cosa si rischia se rubiamo asciugamano dall’albergo?

RUBARE ASCIUGAMANI IN HOTEL? FURTO PUNITO CON LA RECLUSIONE FINO A 3 ANNI

La risposta non è affatto rassicurante. Nonostante nascondere nella propria valigia la biancheria fornita dalla struttura ricettiva sia un gesto piuttosto comune, può costare una condanna pesante. Chi lo compie rischia fino a 3 anni di carcere. L’articolo 624 del codice penale parla chiaro: «Chiunque s’impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 154 euro a 516 euro».

 

LEGGI ANCHE > Perché il Qatar compra Neymar e sette navi da guerra dall’Italia

 

UN OGGETTO VIA DALL’HOTEL PER 4 ITALIANI SU 5

Un avvertimento chiaro e inequivocabile. Certo, è difficile immaginare un verdetto estremamente severo per il furto di un asciugamano. Ma le norme ci ricordano che un albergatore particolarmente pignolo e attento potrebbe tendere un tranello ai clienti meno educati. In effetti beccare un cliente poco rispettoso non è impresa impossibile. Secondo una ricerca realizzata lo scorso anno dal motore di ricerca di voli e hotel Jetcost ha ammesso di portare via con sé qualche oggetto dalle camere d’albergo il 79% degli italiani. Secondo lo studio, dunque, 4 viaggiatori italiani su 5 rubano accessori come asciugamani, shampoo, sapone, cuffie per la doccia. Una cattiva abitudine diffusa anche all’estero. Ai vertici della classifica degli ospiti che portano via cosmetici o biancheria ci sono anche spagnoli, 81%, portoghesi, 76%, britannici, 69%, e francesi, 62%.

(Foto da Pixabay.com)