Mafia, ‘ndrangheta, camorra: la mappa dei clan

Il latitante Antonio Iovine

Dal traffico di droga agli affari sugli appalti. Dalle estorsioni all'usura. Nel nostro Paese è ancora fitta la rete di famiglie e cosche dedite alle peggiori attività illecite. Soprattutto al Sud. Ecco l'elenco dei gruppi criminali attivi in Sicilia, Calabria, Campania, Puglia e Basilicata. Comune per comune

Traffico illecito di armi e droga, estorsioni ad imprenditori e commercianti, riciclaggio e reinvestimento di denaro sporco, affari su piccoli e grandi appalti pubblici. In diverse aree del nostro Paese la criminalità organizzata continua ad esercitare un controllo più o meno stringente del territorio, in particolare nelle regioni meridionali, storicamente più colpite dal fenomeno. L’ultimo (ennesimo) allarme arriva dalla relazione semestrale del ministero dell’Interno sull’attività svolta e i risultati conseguiti dalla Dia, Direzione Investigativa Antimafia (organo investigativo del Viminale). Il rapporto, diffuso la scorsa settimana e relativo al primo semestre 2014, ci consegna ancora una volta una mappa dettagliata delle centinaia di clan e famiglie di mafia, ‘ndrangheta e camorra che operano in Sicilia, Calabria, Campania, Puglia e Basilicata, e che spesso estendono fino al Nord il loro raggio di azione. Ecco quali, provincia per provincia.

 

mappa mafia ndrangheta camorra

 

PALERMO – Nella provincia di Palermo – descrive la relazione del ministero dell’Interno – Cosa Nostra è impegnata in una costante opera di consodilamento della sua struttura, sia sotto il profilo militare che economico, autofinanziandosi soprattutto attraverso la gestione di traffici illeciti, il riciclaggio e il reinvestimento di denaro sporco. Sarebbe, quella attuale, una fase di riorganizzazione legata all’arresto di alcuni vecchi capi mandamento e capi famiglia e derivante dal fatto che non tutti i nuovi reggenti dei gruppi criminali sembrano possedere l’autorevolezza necessaria. Stando a quanto riporta la Dia, si registrano dunque nell’area difficoltà a compattare le nuove leve e ad attuare le strategie criminali, spesso rimesse in discussione dall’arresto o dalla scarcerazione di alcuni boss. Il territorio provinciale risulta ora diviso in 14 mandamenti, 8 dei quali in città,  e 79 famiglie, di cui 34 in città.

 

mappa mafia 01 palermo

 

Tra le attività principali della mafia palermitana vengono segnalate, oltre al riciclaggio, la frode nella distribuzione di carburanti e il traffico e la produzione di stupefacenti. In particolare, il narcotraffico risulta essere una delle maggiori fonti di finanziamento. L’approvvigionamento verrebbe garantito dalla joint venture con associazioni criminali radicate in Calabria e in Campania e dirette referenti dei fornitori. Non sono mancati, infine, episodi di contiguità tra mafia e politica che hanno determinato lo scioglimento di alcuni consigli comunali.

 

mappa mafia 02 palermo

 

AGRIGENTO – Cosa Nostra agrigentina, articolata su 7 mandamenti, ha confermato un ruolo di rilievo nei confronti di altre consorterie criminali nella provincia, riuscendo anche a mantenere un ruolo di rispetto nella gerarchia mafiosa della regione. Come a Palermo, però, anche ad Agrigento continua una ricerca di nuovi equilibri, che scaturisce dagli arresti degli anni scorsi e dalle scarcerazioni di vecchi capi. L’organizzazione è comunque verticistica e unitaria, ed interessata prevalentemente al traffico di stupefacenti ed all’acquisizione di denaro pubblico, con un forte predominio territoriale esercitato attraverso l’attività estorsiva. Il pizzo viene imposto ad imprenditori attivi in svariati settori. I proventi vengono poi reinvestiti, attraverso insospettabili prestanome, in attività apparentemente legali, con lo scopo di sottrarre gli illeciti guadagni all’azione di sequestro e confisca da parte dello Stato. Si registrano anche intimidazioni nei confronti di amministratori ed esponenti politici, ovvia dimostrazione un forte e costante interesse a condizionare le decisioni di carattere politico-amministrativo.

 

mappa mafia 03 agrigento

 

TRAPANI – La provincia di Trapani rimane feudo del super ricercato Matteo Messina Denaro, considerato esponente di spicco dell’intera cupola di Cosa Nostra. Nell’area nel primo semestre 2014 – dice il rapporto del Viminale – non sono emersi mutamenti dell’organizzazione e della struttura mafiosa, che resta articolata in 4 mandamenti e 17 famiglie. La Dia registra un’operatività di sodalizi mafiosi della provincia caratterizzati da basso profilo di esposizione, e interessati a perseguire una sorta di strategia dell’inabissamento. Messina Denaro, capo del mandamento di Castelvetrano può vantare una fitta rete di protezione e favoreggiamento, anche attraverso interposizioni nella gestione di beni e affari. Gli interessi, invece, sembrano focalizzati sul controllo delle attività imprenditoriali e degli appalti pubblici, nel racket delle estorsioni, con relativi atti di danneggiamento, nel traffico di droga e in attività di corruzione per la penetrazione nella pubblica amministrazione.

 

mappa mafia 04 trapani

 

CALTANISSETTA – A Caltanissetta e provincia Cosa Nostra appare articolata in 4 mandamenti e risulta interessata soprattutto alle estorsione, all’infiltrazione negli appalti pubblici (con pressioni esercitate sugli amministratori) ed allo spaccio e traffico di droga esercitato non necessariamente attraverso canali di rifornimento e personaggi propri, ma anche provenienti da altri territori. Nell’area, a differenza della maggior parte delle province, si registra una presenza significativa della Stidda, organizzazione mafiosa ben distinta da Cosa Nostra, con influenza in particolare dei comprensori di Gela e Niscemi. E si conferma, inoltre, la propensione della Stidda all’accordo sistematico con le famiglie di Cosa Nostra attive nello stesso territorio, per un’equa ripartizione dei proventi delle attività illecite.

 

mappa mafia 05 caltanissetta

 

ENNA – Accade qualcosa di diverso, invece, ad Enna, nella cui provincia, a causa dell’assenza di una guida mafiosa costante e univoca, si vivono fasi alterne di prevalenza della componente nissena o di quella etnea. La Dia, ad esempio, nel periodo tra gennaio e giugno 2014 ha rilevato, nel comune di Catenanuova, l’operatività, al fianco delle storiche famiglie di Cosa Nostra ennesi (ora prive di personaggi dotati di carisma criminale) di un gruppo di diretta emanazione del clan Cappello di Catania. Per quanto concerne le attività illecite svolte, invece, anche quest’area si mostra in linea con il trend della regione, con il traffico di droga diventato negli ultimi due anni la fonte principale di reddito.

 

mappa mafia 06 enna

 

CATANIA – A Catania i rapporti di forza tra sodalizi criminali sembrano non essere mutati. La Dia riferisce di una convivenza pacifica tra le famiglie e di equilibrio tra due schieramenti egemoni. Come a Trapani e in altre province, anche in quest’area i gruppi mafiosi sono bene attenti a mantenere ultimamente un basso profilo, privilegiando l’obiettivo a farsi impresa. Accanto alle tradizionali attività illecite, come estorsioni, usura e traffico di stupefacenti, l’organizzazione investe e ricicla, anche nei circuiti finanziari. Per quanto riguarda la commercializzazione della droga, essa risulta in mano prevalentemente al clan Cappello, che contende una cospicua fetta di guadagni al clan rivale Santapaola. A Catania il fenomeno dello spaccio sembra aver raggiunto un’elevatissima pervasività con interi isolati, se non quartieri cittadini, che vivono di questo tipo di attività illecita. Vista la perdurante crisi economica, i clan non hanno particolari difficoltà ad arruolare nuova giovane manovalanza, attratta da facili guadagni. Ovviamente nemmeno a Catania viene trascurato l’affare dell’infiltrazione nella pubblica amministrazone e della gestione di denaro pubblico attraverso l’aggiudicazone di appalti, subappalti, forniture e servizi.

 

mappa mafia 07 catania

 

SIRACUSA – Nella provincia di Siracusa l’organizzazione mafiosa continua ad essere  asservita alle logiche e alle strategie di Cosa Nostra catanese. Anche qui, come ad Enna, mancano personalità carismatiche in grado di assumere ruoli di comando. Si registra una situazione di convivenza apparentemente pacifica tra i gruppi criminali attivi nell’area. Principali attività sono quella estorsiva e il traffico di stupefacenti, che sembra comunque essere limitato all’approvvigionamento dalla piazza catanese.

 

mappa mafia 08 siracusa

 

RAGUSA – Gli influssi dei sodalizi catanesi (e di quelli nisseni) si fanno sentire anche nel territorio ragusano, specialmente nel versante occidentale, a Vittoria, Scicli, Comiso. Ancora una volta si registra, come a Caltanissetta, il peso della Stidda, alla quale è affiliato il clan Dominante-Carbonaro. È legato a Cosa Nostra, invece, il clan Piscopo. I capi mafiosi sembrano comunque dotati di scarso spessore criminale, ma riescono tuttavia, tra una detenzione e l’altra, a compattare intorno a sè estemporanei sodalizi per la gestione degli affari illeciti.

 

mappa mafia 09 ragusa

 

MESSINA – Nella provincia di Messina lo scenario mafioso è notoriamente caratterizzato dalla presenza di gruppi delinquenziali privi dello spessore dei sodalizi palermitani o catanesi. Si registra però l’influenza della ‘ndrangheta, in ragione della vicinanza geografica alla Calabria.

 

mappa mafia 11 messina

 

A dominare la fascia tirrenica è il clan dei Barcellonesi, molto radicato e in grado di esercitare un forte condizionamento. Il sodalizio è caratterizzato da una solida organizzazione con ripartizione delle competenze tra famiglie e metodi operativi omologhi a quelli di Cosa Nostra palermitana, con la quale rimane in rapporti nella gestione degli affari. Oltre alle consuete attività estorsiva, di traffico di stupefacenti, e di gestione degli appalti, nel primo semestre 2014 la Dia ha rilevato nella provincia un nuovo interesse per lo sfruttamento della prostituzione. Sono comunque attivi nel territorio anche soggetti che operano in autonomia avvalendosi dei metodi mafiosi.

 

mappa mafia 10 messina

 

LEGGI ANCHE:
Mafia Capitale, «Ignazio Marino e la procura ai ferri corti»
Roma, così gli appalti senza gara aiutavano Mafia Capitale
Mafia a Roma, trenta arresti: scoperto il codice dei riti segreti

 

REGGIO CALABRIA – Per quanto concerne la Calabria - spiega la relazione del ministero – la ‘ndrangheta ha dimostrato nel primo semestre 2014 una crescente capacità di infiltrarsi nella sfera politico-amministrativa degli enti locali. La regione detiene un primato del numero di provvedimenti di scioglimento di comuni per infiltrazione mafiosa, e le ‘ndrine hanno dimostrato capacità di penetrare nelle realtà politico-amministrative anche lontano dal territorio di origine (lo testomoniano le note recenti inchieste sulla mafia al Nord). A Reggio Calabria la dislocazione delle cosche è caratterizzata dall’esistenza di un organismo direttivo, denominato Provincia, e 3 mandamenti a competenza areale: il mandamento Tirrenico, il mandamento Centro e il mandamento Ionico. Per quanto riguarda il mandamento Tirrenico, il porto di Gioia Tauro si conferma luogo di transito della cocaina proveniente dal Sud America. Sulla base dei dati in possesso della Dia, i sequestri operati nello scalo portuale hanno permesso di intercettare 980 kg di cocaina e circa 10 tonnellate di tabacchi di contrabbando. Nell’area di Gioia Tauro si segnala l’influenza della cosca Molè, un tempo alleata con i Piromalli. Mentre nel comprensorio di Rosarno e San Ferdinando è attiva la cosca Pesce-Bellocco.

 

mappa ndrangheta 01 reggio calabria

 

Sulla città di Reggio Calabria, nel mandamento Centro, si segnala ancora la posizione di supremazia delle storiche cosche cittadine De Stefano, Condello, Libri e Tegano. A Sud del capoluogo opera, invece, la cosca Ficara-Latella. Nei rioni Modena e Ciccarello si registra l’attività del sodalizio Borghetto-Caridi-Zindato e Rosmini. Nel quartiene di Santa Caterina, infine, è attiva la cosca Lo Giudice.

 

mappa ndrangheta 02 reggio calabria

 

Relativamente al mandamendo Ionico, la Dia segnala l’attività, nel comune di Monasterace, ed in quelli limitrofi di Stilo, Riace, Caulonia e Camini, della cosca Ruga, Metastasio, Leuzzi, legata alla cosca Gallace, attiva a Guardavalle, in provincia di Catanzaro.

 

mappa ndrangheta 03 reggio calabria

 

Nel comune di Caulonia opera la cosca Vallelonga. A Gioiosa Jonica è attiva la cosca Scali-Urbino, federata con i Costa-Curciarello di Siderno.

 

mappa ndrangheta 04 reggio calabria

 

CATANZARO – Nessuna novità per quanto riguarda la mappatura della Dia relativa alla provincia di Catanzaro. Unica novità di rilievo del primo semestre 2014 sarebbero – dice il rapporto del Viminale -  due operazioni che hanno disarticolato le cosche Giampà e Torcasio.

 

mappa ndrangheta 05 catanzaro

 

COSENZA – Sono sostanzialmente immutate rispetto al secondo semestre 2013 anche le zone di influenza dei gruppi criminali ‘ndranghetisti della provincia di Cosenza.

 

mappa ndrangheta 06 cosenza

 

CROTONE – Per quanto riguarda l’area di Crotone la Dia sottolinea il maggior peso della famiglia Grande Aracri, la stessa dall’operazione della scorsa settimana che ha condotto ad arresti di politici e imprenditori in Emilia Romagna. In particolare la cosca avrebbe assunto il controllo di tutte le attività illecite nella parte più a Nord della regione.

 

mappa ndrangheta 07 crotone

 

VIBO VALENTIA – Nella provincia di Vibo Valentia, infine, conserva un ruolo egemone la cosca Mancuso di Limbadi, nonostante negli ultimi anni sia stata colpita da diverse attività investigative. Relativamente alle conflittualità tra sodalizi non sembrano essere sopiti i contrasti tra i cosiddetti piscopiani della frazione Piscopo e i Patania di Stefanaconi, sostenuti dai Mancuso.

 

mappa ndrangheta 07 vibo valentia

 

NAPOLI – Anche in Campania vengono sostanzialmente confermati assetti criminali consolidati e di ricerca di nuovi equilibri tra clan colpiti da operazioni di polizia. Ma – come sottolinea il ministro dell’Interno nella relazione semestrale – novità potrebbero arrivare dall’area casertana. Il clan dei Casalesi, infatti, sembra in difficoltà operativa alla luce della decisione del super boss Antonio Iovine di collaborare con la giustizia. Il pentimento del capo clan potrebbe avere ripercussioni sugli equilibri del sodalizio. Per quanto concerne invece la redditività delle attività illecite, per la criminalità organizzata campana quella più vantaggiosa è ancora rappresentata dal traffico di stupefacenti. Si tratta del settore nel quale vengono operati i maggiori investimenti per gli ingentissimi guadagni che ne derivano. Va ricordato, in tal senso, quanto accaduto nell’area a Nord di Napoli, centro nevralgico per l’approvvigionamento della droga, dove la fine del predominio assoluto del clan Di Lauro negli anni scorsi ha generato scontri tra gli altri gruppi che ne hanno in parte occupato lo spazio.

 

mappa camorra 01 napoli

 

Nella zona centrale del capoluogo campano rimane fitta la rete di clan camorristici operanti. Nel rione Forcella, a causa di tensioni tra il clan Mazzarella ed un gruppo discendente dello storico clan Giuliano, intenzionato ad assumere il controllo dello spaccio di stupefacenti, si vive una situazione di instabilità. Del gruppo criminale in ascesa farebbero parte giovani delle famiglie Stolder-Ferraiuolo-Brunetti-Sibillo, che potrebbero contare sull’appoggio del clan Rinaldi di San Giovanni a Teduccio, che è attivo nella zona orientale della città ma sta estendendo la sua influenza anche nel quartiere Mercato, alle Case Nuove, zona storica del gruppo Caldarelli, a sua volta satellite del clan Mazzarella. Nei quartieri Vasto e Arenaccia, nella zona Ferrovia e a Poggioreale, intanto, continua l’egemonia incontrastata del clan Contini, dotato di ottima capacità militare e politica di alleanze, come quella con il gruppo Mallardo di Giugliano in Campania, i Licciardi di Secondigliano e i Bidognetti  della provincia di Caserta. I Contini sembrano aver trovato un equilibrio con lo storico rivale clan Mazzarella. Nei quartieri Spagnoli, invece, sono attivi i clan Mariano e Ricci, quest’ultimo legato al gruppo D’Amico, operante nella zona orientale della città, e due clan di recente formazione, Esposito e Saltalamacchia. La Dia sengala che alcune sparatorie e intimidazioni sono sintomatici di frizioni tra i gruppi Elia del Pallonetto a Santa Lucia, Lepre del Cavone e Mariano, da una parte, ed Esposito e Saltalamacchia dall’altra. Nella zona centrale di Napoli, inoltre, si segnala il ritorno di esponenti delle famiglie Tolomelli e Vastarella, storicamente legate ai Licciardi e feroci antagoniste del clan Misso. Famiglie che hanno l’ambizione di riprendere il controllo di parte del quartiere Sanità, cercando appoggi con i Contini. Il quartiere Sanità, infatti, dopo la disarticolazione del clan Misso, è diventato teatro di accesa conflittualità per la perdita dell’egemonia da parte degli storici gruppi camorristici. Ora si registra l’attività del clan Lo Russo del quartiere Miano e del gruppo Savarese-Sequino, in cerca di alleati e intenzionato ad accordi con le nuove generazioni della famiglia Giuliano. A Poggioreale, intanto, la dissoluzione del clan Sarno ha condotto ad uno scontro tra un gruppo di ex affiliati, ora legati al sodalizio criminale Casella, ed al clan Cuccaro di Barra, federato con la famiglia De Micco. A San Ferdinando, invece, nella zona Chiaia, è attivo il clan Piccirillo, legato al gruppo Licciardi e Strazzullo, e presente anche nella zona Posillipo, considerata a sua volta territorio franco per il riciclaggio di clan della zona nord orientale del capoluogo e di Napoli centro, in particolare dei gruppi Licciardi, Mazzarella e Calone. Al Pallonetto a Santa Lucia, infine, è in corso una lotta per il predominio tra famiglia Ricci dei Quartieri Spagnoli e gli Elia di Santa Lucia.

 

mappa camorra 02 napoli

 

Per quanto riguarda la zona settentrionale di Napoli, nei quartieri Vomero ed Arenella domina il clan Cimmino, controllando sia la zona Arenella-Conte della Cerra sia la zona Rione Alto. Ma si registra contemporaneamente anche la presenza dei Polverino di Marano di Napoli, impegnati nel riciclaggio in attività commerciali. A Secondigliano e Scampia, Rione Berlingieri, Miano, Piscinola e San Pietro a Patierno, gli equilibri non sono stabili. Come afferma la relazione del ministero dell’Interno, la geomorfologia appare fluida per la rapidità con cui si creano rapporti di alleanza e forte antagonismo. Nei suddetti quartieri l’attività di spaccio è molto intensa e redditizia. Si segnala, dunque, la presenza in tutta l’area dei gruppi camorristici Amato-Pagano, Di Lauro, Vanella-Grassi, Bocchetti, Licciardi, Lo Russo e Abete-Abbinante-Aprea-Notturno.

L’area orientale della città comprende i quartieri San Giovanni a Teduccio, Ponticelli e Barra. A San Giovanni a Teduccio si contrappongono lo storico clan Mazzarella, che conta sull’appoggio delle famiglie Formicola-Silenzio e D’Amico ed il cartello composto dai gruppi Reale, Rinaldi e Altamura. A Barra, invece, e nel rione Lotto Zero di Ponticelli, dopo anni di egemonia del sodalizio Cuccaro-Aprea è in atto un tentativo di conquista di spazio da parte del gruppo Amodio-Abrunzo, formato da pregiudicati usciti dal suddetto clan e sostenuti dagli Abete-Notturno-Aprea e De Micco, già legati ai Cuccaro. A Ponticelli è attivo il gruppo De Micco, forte di una ampia disponibilità di armi e diventato referente per la fornitura di stupefacenti di una gran parte dell’area orientale. Ai De Micco si contrapporrebbe il clan D’Amico, formato da esponenti del dissolto clan Sarno.

Per quanto concerne, poi, l’area occidentale di Napoli si rileva un’elevata frammentazione delinquenziale che ha determinato faide provocate dalla necessità di evitare sconfinamenti da parte di gruppi rivali. Come riporta il rapporto del Viminale, A Soccavo opera la famiglia Grimaldi, legata ad esponenti della malavita di Pianura e del Rione Traiano. L’antagonista sarebbe il gruppo Vigilia, formato da alcuni fuoriusciti dal clan. A Fuorigrotta, intanto, opera il gruppo Zazo, al quale si sarebbero aggiunti i pochi elementi liberi del clan Bianco, non più attivo. Il gruppo Zazo è impegnato nel traffico di droga e nella contraffazione e risulta legato alla famiglia Mazzarella. Nel Rione Traiano, invece, altra zona dove è intenso lo spaccio di droga, si registra l’egemonia del clan Puccinelli, favorito dall’assenza dalla scena dei suoi antagonisti, ovvero i capi del contrapposto gruppo Leone-Cutolo, detenuti in esecuzione di pesanti condanne. A Pianura sembra ridimensionato il clan Lago, che ha ceduto spazio al gruppo Marfella. A Bagnoli, Agnano e su parte della zona di Cavalleggeri d’Aosta permane, infine, la presenza del clan D’Ausilio, anche se ridimensionato da arresti e collaborazioni. Nella stessa area ha comunque acquistato spazio il gruppo scissionista Esposito, originario di Secondigliano e legato alla famiglia Licciardi.

Nel versante occidentale della provincia si registra l’egemonia dei Polverino a Quarto. Mentre a Bacoli e Monte di Procida opera il clan Pariante, dedito allo spaccio e legato agli Amato-Pagano di Secondigliano. Per quanto concerne invece la zona settentrionale della provincia, a Casavatore è attivo il gruppo Vanella-Grassi e il clan Ferone. A Qualiano e Villaricca, invece, gruppi locali sono interessati all’acquisizione di appalti pubblici, alle estorsioni, al riciclaggio e al traffico di droga mediante importazione dall’estero di ingenti quantitativi, ma d’intesa con altri clan. A Marano di Napoli persiste l’egemonia del clan Polverino, presente anche a Quarto e Villaricca e caratterizzato da una forte vocazione imprenditoriale, che si manifesta, ad esempio, con l’interesse nell’edilizia residenziale e nelle attività turistico-alberghiere. Il clan Mallardo, alleato con i Bidognetti e i Contini, opera incontrastato a Giugliano in Campania. Afragola è invece il comune di origine del clan Moccia, egemone incontrastato per la gestione e il controllo di tutte le attività illecite anche a Casoria, Caivano, Arzano, Cardito, Crispano, Frattamaggiore e Frattaminore, e proiettato anche in altre regioni e all’estero. Ad Acerra e dintorni si ritiene disarticolato il clan Crimaldi, così come i clan De Sena e Di Falco-Di Fiore. Pertanto, nella vasta area tra i comuni di Casalnuovo, San Felice a Cancello e Santa Maria a Vico opererebbero gruppi criminali non aventi connotazione tipica dei clan e dediti prevalentemente ad estorsioni, spaccio e rapine.

 

mappa camorra 03 napoli

 

Nell’area vesuviana e nolana si registra il controllo delle attività illecite soprattutto da parte dei clan Cava, originario di Quindici, nell’Avellinese, dei Fabbrocino di San Giuseppe Vesuviano e dei Moccia di Afragola, che hanno assorbito altre compagini criminali locali facendole diventare proprie strutture satellite. Si conferma la forte vocazione imprenditoriale del clan Fabbrocino, le cui ingenti disponibilità economiche avrebbero contribuito al rafforzamento del vincolo di omertà dei suoi consociati. Ma non solo. la relazione del ministero descrive che le capacità imprenditoriali di molti affiliati hanno consentito al gruppo camorristico di penetrare nel settore dell’abbigliamento e del commercio di alimenti in alcune regioni del Centro e del Nord del Paese, come Lombardia, Emilia Romagna, Umbria e Marche. Intanto, a Pomigliano d’Arco, Castello di Cisterna, Brusciano (dove opera il clan Ianuale, presente anche a Mariglianella), Marigliano, Pollena Trocchia, San Sebastiano al Vesuvio, Somma Vesuviana e Sant’Anastasia opera il clan Castaldo-Anastasio. Nella stessa zona sono però attivi anche pregiudicati di riferimento del clan Mazzarella, insediatisi nella zona di Marigliano. A Somma Vesuviana, intanto, si segnala l’infiltrazione dei clan Cuccaro e Rinaldi di Barra attraverso pregiudicati locali.

 

mappa camorra 04 napoli

 

Infine, la fascia costiera a Sud di Napoli, la provincia meridionale. A Portici e San Sebastiano al Vesuvio il clan Vollaro detiene l’egemonia assoluta delle estorsioni, del traffico di droga, del lotto clandestino e dell’usura. Ad Ercolano, invece, si registra l’attività, in contrapposizione, degli Ascione-Papale e dei Birra-Iacomino. A San Giorgio a Cremano opera il clan Abate, con proiezioni in Emilia Romagna. A Torre del Greco i clan Falanga e Di Gioia. A Torre Annunziata sono attivi i Gionta. Il sodalizio Gallo-Limelli Vangone è presente sia a Torre Annunziata che nei comuni di Boscoreale, Boscotrecase e Trecase. A Castellammare e nei comuni vicini, infine, agiscono i clan D’Alessandro e Cesarano.

 

mappa camorra 05 napoli

 

CASERTA – Come già detto, il clan dei Casalesi, che domina gli affari illeciti nella provincia di Caserta, deve fare i conti con la collaborazione con la giustizia del super boss Antonio Iovine. Il gruppo criminale sta quindi vivendo una difficile fase di transizione già affrontata qualche anno addietro, all’indomani della cattura dei un altro esponente al vertice del sodalizio camorristico, Michele Zagaria, in manette nel 2011. Tuttavia, non va dimenticato che i Casalesi sono già riusciti in passato a rigenerarsi reclutando nuove leve da affiancare a vecchi sodali, nonostante siano stati oggetto negli anni di un’efficace attività di contrasto. Dunque, il clan casertano, sembra in questa fase intenzionato a rafforzare la propria presenza nelle aree di influenza, invece che estendersi in altre zone della provincia, zone in cui però si sta rafforzando la forza criminale delle organizzazioni non federate nel cartello.

 

mappa camorra 06 caserta

 

La fazione Bidognetti a quanto pare ha ripreso a compiere estorsioni nei comuni di Parete, Teverola e Castel Volturno. Il gruppo Schiavone, invece, risulta sempre molto forte militarmente. Mentre il gruppo Zagaria viene considerato pericoloso soprattutto per la capacità di infiltrazione in diversi settori dell’economia, in particolare nella gestione dei servizi pubblici e negli appalti (come ha dimostrato la recente operazione sulle gare per i lavori in un ospedale casertano). Nella provincia, oltre ai gruppi federati ai Casalesi operano, nella zona di Marcianise, il clan Belforte e il gruppo Piccolo. I due clan mantengono con i Casalesi un rapporto di non belligeranza.

 

mappa camorra 07 caserta

 

SALERNO – Nella provincia di Salerno le organizzazioni camorristiche sembrano caratterizzate da una struttura di tipo orizzontale, con diversi centri decisionali e orientata prevalentemente al raggiungimento di obiettivi immediati di finanziamento e non medio-lunghi. Nell’area si registra una disaggregazione di vecchi cartelli criminali e la coagulazione di nuovi gruppi sia in città che lontano dal capoluogo. Nel dettaglio, a Bracigliano e a Mercato San Severino si registra la presenza del clan Graziano, originario di Quindici, in provincia di Avellino. A Salerno città si conferma la ripresa dell’egemonia del gruppo Panella-D’Agostino. Nell’agro nocerino-sarnese, in seguito alle azioni di contrasto degli anni scorsi, lo scenario delinquenziale appare in fase di assestamento. La gestione del traffico e dello spaccio di droga avviene attraverso alleanze con i gruppi dell’area napoletana, in particolare di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata. A Pagani è attivo il sodalizio Fezza-D’Auria. A Nocera Inferiore e Nocera Superiore, invece, accanto allo storico clan Mariniello, si registra l’operosità di gruppi formati da giovani pregiudicati già legati a sodalizi del vicino comune di Pagani. È lo stesso che avviene ad Angri. A Cava de’ Tirreni, oltre a soggetti criminali già legati al clan Bisogno, operano pregiudicati che fanno riferimento al gruppo Celentano. Infine, nella parte Sud della provincia, nella Piana del Sele, risultano attivi gruppi criminali emergenti dediti sia alle estorsioni che al traffico di stupefacenti.

 

mappa camorra 08 salerno

 

BENEVENTO – Situazione stabile in provincia di Benevento, dove si conferma l’egemonia del gruppo camorristico Sperandeo, alleato con il clan Pagnozzi originario di San Martino Valle Caudina, in provincia di Avellino, ma presente anche a Montesarchio, Airola e paesi limitrofi. Il clan Pagnozzi agisce, tra l’altro, in sinergia con il gruppo Saturnino-Bisesto di Sant’Agata de’ Goti e con il sodalizio Iadanza-Panella attivo a Montesarchio Bonea, Bucciano, Castelpoto, Campoli del Monte Taburno, Tocco Caudio, Cautano e Forchia. Anche qui gli interessi variano dal traffico di droga all’usura, dalle estorsioni alle infiltrazioni nell’affare degli appalti pubblici.

 

mappa camorra 09 benevento

 

AVELLINO – Nell’Avellinese viene confermato il predominio del clan Cava di Quindici, storico rivale dei Graziano, originario dello stesso comune. Al momento non vengono registrati episodi di conflittualità tra i due gruppi camorristici, ma la scarcerazione di qualche esponente di spicco dell’uno o dell’altro clan potrebbe rompere gli attuali equilibri. I Cava negli ultimi anni hanno approfittato dell’indebolimento del clan Russo di Nola, in provincia di Napoli, per proiettarsi in un nuovo territorio attraverso gruppi satellite come i clan Giugliano e Sangermano (quest’ultimo di San Paolo Belsito, Napoli). Nel comune di Avellino, intanto, sembra riorganizzarsi la famiglia Galderi, mentre sono ancora in carcere gli elementi di spicco del gruppo Genovese.

 

mappa camorra 10 avellino

 

BARI – Per quanto concerne la Puglia, la Dia rileva che il fenomeno criminale, grazie all’azione di contrasto e alla collaborazione con la giustizia di alcuni affiliati alla Sacra Corona Unita, appare oggi non unitario, ma disgregato e disomogeneo. La regione, infatti è dunque caratterizzata dalla presenza di una pluralità di gruppi mafiosi, caratterizzati da continui mutamenti, spesso legati anche a delle faide. A Bari e in provincia, ad esempio, si registrano tensioni legate alla ridefinizione degli equilibri criminali e delle posizioni di vertice, che a volte degenerano in scontri cruenti. A restare operative sono soprattutto giovani e ambiziose leve, che risultano però nello stesso tempo anche inesperte e pericolose. I quartieri maggiormente interessati alle faide sono San Paolo (dove emergono contrasti tra il clan Montani-Telegrafo e il gruppo Mercande-Diomede), San Girolamo (teatro di uno scontro tra i Lorusso e i Campanale) e Libertà (dove hanno luogo contrasti interni al clan Mercante). Situazioni invece stazionarie si registrano nei quartieri di Carbonara e Ceglie del Campo (tra i clan Di Cosola e Strisciuglio), nel Borgo Antico (tra i Strisciuglio e i Capriati), nel quartiere Madonnella (dove si registra la presenza del clan Di Cosimo-Rafaschieri), e, infine, nel quartiere Japigia (dove operano i clan Parisi e Palermiti). Le attività illecite più diffuse sembrano essere quelle del traffico e dello spaccio di stupefacenti e delle estorsioni ai danni dei commercianti.

 

mappa mafia 12 bari

 

Per quanto concerne la provincia di Bari, poi, la Dia segnala la contrapposizione tra  clan Conte-Cassano e Cipriano nella città di Bitonto, il contrasto tra elementi del gruppo La Selva e del gruppo Panarelli a Conversano, e, in ultimo, l’egemonia del sodalizio Zonno a Toritto.

 

mappa mafia 13 bari

 

BARLETTA-ANDRIA-TRANI – La provincia di Barletta-Andria-Trani si caratterizza dalle altre per la diffusione di una specifica attività criminale: le rapine agli autotrasportatori, spesso realizzate su strade trafficate con tecniche paramilitari che possono prevedere anche il sequestro lampo dei conducenti dei tir. In ogni caso si segnala la presenza dei gruppi criminali Miccoli e Gallone-Carbone a Trinitapoli e del sodalizio Pistillo-Pesce ad Andria.

 

mappa mafia 14 bat barletta andria trani

 

FOGGIA – A Foggia e provincia le organizzazioni criminali sono state ridimensionate da numerose inchieste giudiziarie e da severe condanne. Ma solo in parte sono stati fermati gli episodi di sangue, visto che la forte crisi economica favorisce la costituzione di un serbatoio nell’ambito della criminalità comune dal quale attingere manovalanza. Nel rapporto del Viminale si segnala la presenza del clan Sinesi-Francavilla in città, in contatto con la criminalità organizzata di San Severo.

 

mappa mafia 15 foggia

 

LECCE - I gruppi criminali della provincia di Lecce erano un tempo legati alla Sacra Corona Unita. Ora, dopo un’efficace azione di contrasto attuata negli anni, i sodalizi non sono più organizzati in maniera verticistica, limitandosi ad operare in sinergia, preferendo un profilo basso, una strategia di inabissamento. Si segnala comunque la presenza in città del clan Rizzo, capeggiato da uno storico boss della Scu leccese. Il gruppo è egemone soprattutto nel traffico di stupefacenti e nelle estorsioni. La maggiore influenza viene esercitata nel rione Castromediano. In provincia controlla invece i territori dei comuni di Cavallino, Lizanello, Melendugno, Merine, Vernole, Caprarica, Calimera e Martano.

 

mappa mafia 16 lecce

 

BRINDISI – Sembra statico il contesto criminale anche nella provincia di Brindisi, che negli ultimi anni ha subito un incisivo contrasto investigativo grazie alla collaborazione con l’autorità giudiziaria della frangia brindisina e mesagnese della Sacra Corona Unita. Nessuno dei fatti di sangue verificatisi nell’area sembra comunque essere riconducibile a contrasti tra cosche. Anche qui le principali attività illecite sono rappresentate da traffico di stupefacenti ed estorsioni, quest’ultime esercitate perlopiù attraverso pretese di piccole somme di denaro. Ma si registrano anche usura e gestione degli apparecchi elettronici.

 

mappa mafia 17 brindisi

 

TARANTO – Gli assetti sono immutati anche a Taranto e provincia, dove i gruppi criminali ricavano i maggiori introiti dal traffico di droga, esercitato in sinergia con pregiudicati calabresi o baresi.

 

mappa mafia 19 taranto

 

Molto diffusa l’attività estorsiva ai danni ai danni di imprenditori, commercianti e artigiani, spesso vittima di attentati dinamitardi o incendiari.

 

mappa mafia 18 taranto

 

POTENZA E MATERA – In Basilicata viene rilevata la presenza residuale di gruppi criminali che, dopo essere stati disarticolati nel tempo dalle censure penali, non manifestano segnali palesi di vitalità. Questa situazione agevola l’attività di gruppi omologhi provenienti dalle regioni limitrofe. L’attività prevalente del traffico di droga riguarda soprattutto l’area tirrenica, confinante con Calabria e Campania. A Potenza si registra la presenza dei clan Cassotta, Di Muro, Martucci, Rivezzi, Martorano e Stefanutti. nella provincia di Matera, invece, si segnala nel primo semestre 2014 la presenza dei clan Scarcia, Mitidieri-Lopatriello e Zito-D’Elia.

 

mappa mafia 20 potenza matera

NOTA – La relazione del Ministero dell’Interno al Parlamento sull’operato e i risultati conseguiti dalla Dia nel primo semestre 2014 non riguarda solamente famiglie e clan della criminalità organizzata siciliana, calabrese, campana, pugliese e lucana, ma anche le organizzazioni criminali straniere che operano sul territorio nazionale (quella albanese, nordafricana, centrafricana, sub sahariana, cinese, sudamericana, romena, russa). Non mancano, inoltre, informazioni relative alle proiezioni extraregionali ed internazionali delle cosche italiane.

 

(Foto di copertina di gennaro Giorgio da archivio LaPresse: l’arresto del boss dei Casalesi Antonio Iovine. Mappe da: www1.interno.gov.it)