Trump su Fauci: «La sua popolarità è alta, la mia bassa. Può essere solo a causa della mia personalità»

di Ilaria Roncone | 29/07/2020

Donsald Trump ritiene che se la popolarità del dotto Fauci – virologo della Casa Bianca – e la sua sono a due livelli così diversi stando a quanto dicono gli americani, la causa può essere solo la sua personalità. Poco importa il numero di volte in cui il presidente Usa ha contraddetto e sminuito il medico sui social. Fauci, dal canto suo, ha guadagnato popolarità per la sua gestione della crisi e il suo dire le cose come stanno a prescindere dalla volatile opinione del presidente che ha ammesso l’importanza di indossare la mascherina solo la scorsa settimana salvo poi continuare a lanciare messaggi contraddittori tramite i suoi social.

LEGGI ANCHE >>> Anthony Fauci parla della seconda ondata in Italia, «possibile ma non inevitabile»

«Bassa popolarità a causa della mia personalità»

Il succo del discorso fatto da Donald Trump è che gli Usa fanno meglio di altri paesi a livello di tracciamento: «Curioso che un uomo che lavori con noi molto da vicino, il dottor Fauci, sia molto stimato mentre io non vengo per nulla apprezzato. Può essere solo a causa della mia personalità». Donald Trump ha però sempre espresso opinioni contrastanti rispetto a Fauci, arrivando persino a pensare di licenziarlo per aver affermato che se gli Usa avessero risposto prima e in maniera efficace all’emergenza sanitaria i contagi non sarebbero stati così tanti.

Trump critica Fauci via Twitter

Nelle ultime ore il presidente degli Stati Uniti ha anche condiviso una serie di messaggi su Twitter che criticano l’operato del virologo della sua amministrazione. Durante un’intervista a Good Morning America Fauci ha risposto alle domande dei giornalisti dicendo come la pensa rispetto ai contenuti condivisi da Trump: «Non leggo i tweet e non mi interessa farlo. Continuerò solo a fare il mio lavoro, non importa cosa venga fuori, perché penso sia molto importante. Siamo nel bel mezzo di una crisi epidemica, una pandemia. Questo è quello che faccio e questo è quello che ho imparato a fare durante la mia intera vita professionale. Non ho ingannato gli americani in nessun caso».