Le tre bufale (in un solo post) del senatore leghista Pillon sulla Cina

di Enzo Boldi | 24/06/2020

Simone Pillon
  • Un post, tre bufale e una foto fuori contesto (e spiegata peggio)

  • Simone Pillon e le tre fake news sulla Cina in un solo post Facebook

  • Dal figlio unico di Stato, ai miliari in ospedale che non fanno entrare gli anziani malati di Covid

Tre è il numero perfetto. Se poi si aggiunge anche un’immagine fuori contesto si riescono a raggiungere altissime vette. Il tutto condito da un racconto «di un mio amico medico che mi ha detto…», senza conferme ufficiali. Il tutto accade sulla pagina Facebook del senatore della Lega Simone Pillon, in un unico post. Tre bufale sulla Cina: la prima sugli anziani che non vengono curati e rimandati a casa (parlando di «eutanasia di Stato); la seconda sul fatto che ci sia (ancora) la legge sul figlio unico per ogni famiglia cinese; la terza sull’aborto selettivo sulle bambine. Insomma, un pot-pourri di cose non reali e non attuali.

LEGGI ANCHE > Perché la pagina di Pillon verrà invasa da “favolosità”

Partiamo dal suo racconto che, poi, sconfina in altri ambiti. Simone Pillon racconta di aver saputo da un fidato medico bresciano una notizia sconvolgente: «A quanto riferivano, in Cina chi ha meno di 70 anni non viene neppure ricoverato. Le guardie armate di mitra che custodiscono le porte degli ospedali hanno l’ordine di ‘convincere’ gli anziani a tornarsene a casa».

Una cosa gravissima e che non può che provocare indignazione. Ma è vera? Come spiega Butac, innanzitutto, la foto utilizzata dal senatore leghista è fuori contesto: i militari non sono fuori dagli ospedali per fare ‘selezione all’ingresso’, ma fuori da una stazione ferroviaria di Wuhan per controllare che le persone contagiate non lasciassero la città (al tempo del primo focolaio cinese). Inoltre non c’è alcun riscontro sul fatto che gli anziani (gli over 70) vengano respinti all’ingresso degli Ospedali (e un senatore della Repubblica non può diffondere messaggi che esordiscono dicendo «mi hanno detto»).

Simone Pillon e le tre bufale in un solo post Facebook

Il post social di Simone Pillon trascende, poi, su altri temi che, come quello sopracitato, servono solamente ad acuire l’indignazione contro la Cina. Si parla di «figlio unico di Stato». Ma di cosa parla il senatore leghista? Si fa riferimento a una legge del governo cinese per evitare il sovrappopolamento, consentendo alle famiglie di fare un solo figlio. Peccato che Pillon non dica che quella legge fu abolita nel 2015, cinque anni fa.

Le fake news su eutanasia di Stato e aborto selettivo femminile

Passiamo all’ultimo aspetto, sui cui Simone Pillon sembra avere ragione, ma non nei modi e nella spiegazione. Il senatore del Carroccio parla di «aborto selettivo femminile». Ma le leggi, in questo caso, non c’entrano nulla. Il governo cinese non è mai intervenuto su questo ambito e si tratta di una scelta – probabilmente sbagliata – di alcune famiglie che decidono autonomamente di mettere al mondo solo figli maschi.

(foto di copertina: da pagina Facebook di Simone Pillo)