Salvini su Tik Tok e le battute che non fanno ridere sul Negroni e Calimero

di Redazione | 12/06/2020

Salvini su Tik Tok

Per molti, quello di Tik Tok è ancora un universo inesplorato. Ma non per Matteo Salvini, che dal novembre scorso sta usando in maniera molto efficace il social network più in voga tra gli adolescenti. Nella giornata di ieri, lo ha utilizzato per intervenire sulle polemiche relative al razzismo e a quelle che lui ritiene iniziative ‘buoniste’. Il riferimento, in modo particolare, è ai dolci ‘moretti’ che sono stati ritirati dalla catena di supermercati svizzeri Migros.

LEGGI ANCHE > Salvini non piace ai muser di Tik Tok nonostante i suoi sforzi

Salvini su Tik Tok e le battute che non fanno ridere sugli stereotipi antirazzisti

@matteosalviniufficialeStop all’idiozia del politicamente corretto! Tutti fratelli, senza essere scemi.

♬ 50//50 – Vantage

«Benvenuti al festival dell’idiozia e del politicamente corretto – ha detto il leader della Lega nel video -. Supermercati che ritirano cioccolatini, i sigari, Gesù e la Madonna scuri. Aspettiamo che mettano fuori legge: Calimero, il Negroni, il vino nero, il caffè scuro. La canzone “Siamo i vatussi” è da arresto.Tutti a cantare “Vorrei la pelle nera”. Non è anti-razzismo, è idiozia. Tutti fratelli ma senza essere scemi».

Matteo Salvini ha mostrato, nell’ordine, un ritaglio di giornale che dava la notizia sui moretti del Migros, ha poi fatto vedere una bottiglia di vino, una confezione di caffè Palombini, un sigaro, una icona della Madonna nera. Il tutto con il tipico sottofondo che viene sempre più spesso utilizzato dai ragazzi come colonna sonora delle loro performance su Tik Tok.

Nella giornata di ieri, l’account ufficiale della Lega, invece, aveva inserito persino Carlo Conti (su cui è nota la battuta sull’essere perennemente abbronzato) tra gli stereotipi attaccati dagli antirazzisti. Insomma, dopo Via col Vento e dopo i moretti, la comunicazione del leader del Carroccio sembra aver colto la palla al balzo per sfoderare una serie di battute. Che, però, non fanno ridere nessuno.