La svolta di Salvini: «Indossate la mascherina nei luoghi chiusi». E su Fontana: «Pronto a ricandidarlo nel 2023»

di Enzo Boldi | 03/08/2020

Salvini
  • Oggi Matteo Salvini invita tutti a utilizzare la mascherina al chiuso

  • Invita i giovani ad ascoltare la scienza

  • Poi su Fontana: è pronto a ricandidarlo nel 2023

Il primo lunedì d’agosto arriva la conversione sulla via adriatica. Matteo Salvini, in collegamento con SkyTg24, ha detto che è necessario indossare la mascherina a bordo dei treni e nei luoghi chiusi. Poi ha lanciato un appello ai giovani, invitandoli a rispettare le regole e ascoltare ciò che la scienza chiede di fare per arrestare i contagi. Insomma, dopo settimane in cui è stato protagonista di episodi alquanto discutibili – come la sua partecipazione a un convegno a Palazzo Madama senza indossare la mascherina, con tanto di istruttoria nei suoi confronti avviata dai questori del Senato -, si torna a un ragionamento più coerente rispetto al recente passato.

LEGGI ANCHE > Salvini invita un adolescente sul palco dicendogli di togliere la mascherina, ma lui si rifiuta | VIDEO

«La mascherina quando è necessario si mette, nei luoghi chiusi, sui treni. Anche io metto la mascherina, spero di tornare presto alla normalità. Ai giovani dico di usare la testa, mantenere le distanze e rispettare quello che la scienza ci chiede di fare», ha detto il leader della Lega in collegamento da Milano Marittima con SkyTg24. Insomma, una redenzione rispetto ai messaggi fatti passare nelle ultime settimane. Anche se, è da sottolineare, forse il senatore considera Palazzo Madama un posto all’aperto visto quanto accaduto la scorsa settimana. L’importante, però, è che oggi il messaggio fatto passare dal segretario del Carroccio sia più in linea con la situazione attuale in Italia.

Salvini e l’uso della mascherina nei posti al chiuso

Nel corso della stessa intervista, Matteo Salvini ha risposto anche alle domande sulla Regione Lombardia, assicurando il totale appoggio all’attuale Presidente, al centro di alcune indagini partite dal caso dei camici: «Se Attilio (Fontana, ndr) lo vorrà andremo avanti. Ma mancano due anni e mezzo e può fare ancora di più. Io so che la Regione sta lavorando al processo Lombardia burocrazia zero».

(foto di copertina: da SkyTg24)