La proposta dei parlamentari del Napoli: «Governo intervenga sul rigore negato»

di Federico Pallone | 31/10/2019

Napoli
  • I parlamentari del Napoli chiedono un'interrogazione in merito al controverso episodio nella partita con l'Atalanta

  • Prima ricostruiscono il presunto contatto da rigore tra Llorente e Kjaer

  • Poi chiedono che venga garantita la regolarità del campionato

«Dopo quanto accaduto nella partita Napoli-Atalanta, il governo assuma iniziative per assicurare a milioni di appassionati di calcio la regolarità e l’imparzialità del campionato di Serie A». È quanto chiedono senatori e deputati di tutti gli schieramenti politici in un’interrogazione al ministro dello Sport presentata sia a Palazzo Madama che a Montecitorio.

LEGGI ANCHE –> Il fuorionda di Costacurta fa infuriare i tifosi: «Un regalino il rigore ai partenopei»

I parlamentari che hanno aderito all’iniziativa

Assieme ai primi firmatari, Gaetano Quagliariello (presidente del Napoli Club Parlamento) al Senato e Paolo Russo alla Camera, hanno finora sottoscritto le interrogazioni i senatori Giacomo Caliendo, Luigi Cesaro, Annamaria Parente e Gianni Pittella, e i deputati Luigi Casciello, Antonio Pentangelo, Gianfranco Rotondi, Carlo Sarro, Raffaele Topo e Catello Vitiello. Altre adesioni continuano comunque ad aggiungersi. «Tra i compiti del ministero – osservano gli interroganti – rientra l’attività istituzionale per la lotta alla manipolazione dei risultati sportivi nonché la promozione della lealtà come componente qualificante di ogni iniziativa sportiva».

La ricostruzione del presunto rigore negato al Napoli

I parlamentari hanno poi ricostruito l’azione incriminata: siamo nelle battute finali di Napoli-Atalanta e la squadra di Ancelotti sta vincendo 2-1. Su un’azione offensiva dei partenopei, l’attaccante spagnolo del Napoli Fernando Llorente e il difensore danese dell’Atalanta Simon Kjaer vengono a contatto all’interno dell’area di rigore: Llorente finisce a terra, ‘cinturato’ da Kjaer, ma per l’arbitro Giacomelli è tutto regolare. Ciò che fa però infuriare giocatorie tifosi del Napoli è «il rifiuto provocatorio dell’arbitro di ricorrere finanche alla tecnologia Var», come scrivono i parlamentari nel loro rapporto. «Il Napoli è stato palesemente frodato perdendo due punti in classifica, scendendo al quinto posto», continuano. Sulla prosecuzione dell’azione l’Atalanta ha trovato poi il gol del definitivo 2-2. Nelle proteste seguenti Ancelotti è stato espulso dall’arbitro. Nell’interrogazione vengono riportate dichiarazioni dell’allenatore Carlo Ancelotti e del presidente Aurelio De Laurentiis, e si chiede al ministro un intervento a tutela «della regolarità e dell’imparzialità» del campionato.

[CREDIT PHOTO: ANSA / CIRO FUSCO]