Paola Nugnes: «Ormai il movimento si è “salvinizzato” posizionandosi a destra»

di Gaia Mellone | 20/03/2019

  • Intervistata da La Stampa, Paola Nugnes descrive un movimento che si è «salvinizzato»

  • Il leader del Carroccio descritto come «contrario agli ideali del '68» e «vicino ai Paesi di Visegrad»

  • In aula di palazzo madama il voto sul caso diciotto: «Voterò a favore del processo»

A non riuscire a volte a distinguere il Movimento 5 Stelle dalla Lega non è solo l’opinione pubblica, ma anche quella politica. Parlando con La Stampa, la senatrice pentastellata Paola Nugnes dice che ormai il movimento si è spostato su una posizione nettamente di destra, «una destra identitaria, non liberale. Quella dei Paesi di Visegrad con cui Matteo Salvini è sempre in contatto».

LEGGI ANCHE > Di Maio spiega la svolta: «Cambio il M5S perché sono stanco di perdere»

Paola Nugnes: «Ormai il movimento si è “salvinizzato” posizionandosi a destra»

 A rendere chiara e lampante questa salvinizzazione del movimento, come la definisce Paola Nugnes in un’intervista a La Stampa, è il caso della Diciotti. Oggi in Senato si voterà sull’autorizzazione al processo per Matteo Salvini: Nugnes ribadisce che «voterò a favore del processo» ma aggiunge anche che il risultato è ormai scontato, poiché «il governo si è schierato con Salvini. Tradotto: si è seduto al fianco di Visegrad». Secondo la senatrice grillina infatti, il leader della Lega è molto «potente». «Sta impregnando la società di una nuova missione» chiaramente di destra, «contro le ragioni del ’68. E il Movimento sta seguendo a ruota libera questa «rivoluzione culturale» messa in atto dal leader del Carroccio. E oggi nell’aula di Palazzo Madama, Nugnes vuole dare un segnale. Oltre a lei,  sarà anche Elena Fattori a votare in controtendenza rispetto alla posizione ufficiale del Movimento e degli iscritti alla piattaforma Rousseau. Né Nugnes né Fattori temono però alcuna ritorsione: sono forti dell’essere rimaste coerenti con il programma originale dei 5 stelle, e del resto «il risultato di un sondaggio in rete non è vincolante per il parlamentare».
(Credits immagine di copertina:  ANSA / CIRO FUSCO)