Salvini denuncia «spaccio di nigeriani in via Crispi 38 a Modena», ma il negozio è di italiani ed è in fase di compravendita

di Gianmichele Laino | 23/01/2020

negozio Modena
  • Matteo Salvini è andato a Modena in viale Crispi a denunciare un'altra presunta attività di spaccio

  • Ha fatto un video dal civico 38, davanti alla saracinesca abbassata di un negozio h24

  • Tuttavia, i proprietari sono italiani e le cose non stanno come sono state raccontate

Un déjà-vu. Dopo la citofonata nel quartiere Pilastro di Bologna, Matteo Salvini ha provato a fare di nuovo il ‘giustiziere’ in una strada di Modena, nel corso di un nuovo appuntamento elettorale in vista delle elezioni regionali in Emilia-Romagna. Accompagnato dalla popolazione che risiede nell’area intorno alla stazione di Modena, è stato condotto in viale Crispi, sotto ai portici della cittadina emiliana. Qui, alcuni cittadini hanno denunciato lo spaccio di droga che avverrebbe all’interno di un esercizio commerciale situato al civico 38.

LEGGI ANCHE > Salvini citofona alla gente per sapere se sono spacciatori | VIDEO

Negozio Modena, Salvini denuncia un altro presunto ‘luogo di spaccio’

Matteo Salvini si è fermato di fronte alla saracinesca verde, abbassata. Prima si è informato sulla nazionalità dei presunti spacciatori: «Mi dicono che sono nigeriani – ha affermato Salvini in diretta Facebook -. Non voglio litigare con il governo nigeriano, per carità. Ci sono tanti nigeriani perbene, però…». Poi, ha lanciato il suo spot elettorale al civico 38, sempre in favor di camera: «È noto a tutti che qui spacciano – ha detto Salvini -, noi lo ridenunciamo: in viale Crispi 38, chiediamo cortesemente a chi di dovere di venire a fare un bel controllo in quel negozio, perché qua dentro si spaccia droga e chi spaccia droga deve stare in galera. Speriamo che questa segnalazione possa portare a qualche chiusura e a qualche arresto».

Negozio Modena, come stanno le cose al di là della narrazione di Salvini

Bisogna un attimo riavvolgere il nastro. Il negozio presente al numero 38 di via Crispi è un negozio automatico aperto da oltre un anno. Giornalettismo è in grado di riferire che si tratta di un’attività che ha comportato un investimento importante, con l’acquisto di macchinari – i distributori automatici di cibi, bevande e altri oggetti – che ha previsto un esborso notevole da parte dei proprietari delle mura e dell’attività. Che non sono nigeriani, come potrebbe sembrare dal video in diretta pubblicato sui social dell’ex ministro, ma sono italiani.

Non solo: il negozio è in una fase di compravendita, un momento particolarmente delicato per un’attività commerciale. Chiaramente, uno ‘spot’ di questo tipo non giova alle fasi cruciali della trattativa. Essendo un negozio di servizi online aperto 24 ore su 24, non c’è una vigilanza ad hoc, ma è un luogo aperto al pubblico. Occorre separare – e nel video pubblicato da Modena questo aspetto non viene assolutamente chiarito – le figure dei proprietari e le figure di eventuali avventori. Un esercizio commerciale è aperto a tutti e non può esserci una preclusione all’ingresso, soprattutto per la tipologia di shop h24. Inoltre, la zona di Modena all’interno della quale ricade il negozio è nota per episodi di microcriminalità da tempo che non possono essere in alcun modo ricollegati alla presenza del singolo esercizio commerciale.

L’appello di Salvini e la pubblicità negativa che ne è conseguita rappresentano ancora una volta un caso di approssimazione. In nome della propaganda elettorale, si sacrificano gli interessi di persone che, con le vicende di spaccio, non hanno nulla a che fare.