Medjugorje, Papa Francesco si schiera: non è cristianesimo

di Tommaso Caldarelli | 09/06/2015

medjugorje papa francesco

Medjugorje, Papa Francesco all’attacco: non è veramente cristianesimo, non corrisponde “all’identità cristiana” il fatto che “ogni giorno alle 4 del pomeriggio arrivi la lettera della Madonna”. E ci sono anche dei “veggenti” – chiamati così, proprio dai pellegrini di Medjugorje- che affermerebbero di “vivere di questo”: ma “l’ultima parola di Dio si chiama ‘Gesù e niente di più”, aggiunge il pontefice nella sua predica mattutina.

ANSA/Servizio Fotografico - L'Osservatore Romano
ANSA/Servizio Fotografico – L’Osservatore Romano

MEDJUGORJE, PAPA FRANCESCO: “COSI’ NON E’ IDENTITA’ CRISTIANA”

Le frasi del Papa si rivolgono, in realtà, in primo luogo ai fedeli.

“La croce – ha detto – è uno scandalo” e quindi c’è chi cerca Dio “con queste spiritualità cristiane un po’ eteree”, gli “gnostici moderni”. Poi, ha avvertito, ci sono “quelli che sempre hanno bisogno di novità dell’identità cristiana” e hanno “dimenticato che sono stati scelti, unti” che “hanno la garanzia dello Spirito” e cercano: “‘Ma dove sono i veggenti che ci dicono oggi la lettera che la Madonna manderà alle 4 del pomeriggio?’ Per esempio, no? E vivono di questo. Questa non è identità cristiana. L’ultima parola di Dio si chiama ‘Gesù’ e niente di più”.

I fedeli non cerchino, dunque, dice il Papa, il conforto di chi vede la Madonna una volta al giorno, perché questo non è cristianesimo. Una presa di posizione netta e senza appello che era stata peraltro anche annunciata: da anni una commissione di inchiesta guidata dal cardinale Camillo Ruini ed istituita dal predecessore di Francesco, il papa emerito Benedetto XVI, ha approfondito la posizione ecclesiale del santuario bosniaco: la relazione è stata consegnata al Pontefice lo scorso gennaio ed è stata passata poi alla Congregazione per la Dottrina della Fede, l’ex Sant’Uffizio.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco, “il mio pontificato sarà breve”

MEDJUGORJE, PAPA FRANCESCO: “SIAMO LI’ PER DECIDERE”

“Abbiamo fatto”, aveva detto Ruini, “una proposta articolata”.

 Che il cardinale Ruini parli di una «proposta articolata» significa quantomeno che nella «proposta» della commissione non esiste un «no» secco. Tra il «consta» e il «non consta» di «soprannaturalità», in Vaticano sembra farsi strada una soluzione prudente e ancora interlocutoria. Il Sismografo, un blog «interno» al Vaticano, scrive tuttavia che la soprannaturalità «non ha superato la verifica ecclesiastica», prevede un «verdetto negativo» ma dice che Medjugorje rimarrebbe come «una realtà non riconosciuta ufficialmente».

Così il Corriere della Sera. I vescovi jugoslavi nel fu 1991 avevano messo per iscritto che “sulla base di quanto finora si è potuto investigare, non si può affermare che abbiamo a che fare con apparizioni e rivelazioni soprannaturali”, una frase che lasciava aperti spiragli ad un’eventuale riconoscimento; ma invece di una soluzione prudente e interlocutoria, sembra che tutto si prepari in Vaticano per la bocciatura del riconoscimento ufficiale del santuario di Medjugorje: “Siamo lì per prendere delle decisioni”, ha d’altronde detto Bergoglio sul volo di ritorno da Sarajevo. Le ultime parole del Pontefice, ancora non ufficiali e definitive, sembrano comunque non lasciare spazio agli equivoci.