Rousseau dà l’ok al mandato zero. Ma a votare sono solo 25mila persone

di Enzo Boldi | 26/07/2019

Mandato zero

La notizia non è tanto che la piattaforma Rousseau abbia approvato i cinque quesiti proposti per la nuova organizzazione (locale e nazionale) del Movimento 5 Stelle, ma che a votare siano stati poco più di 25mila iscritti al sito che fa riferimento ai pentastellati. Numeri molto bassi: meno di quelli che decisero di indicare la via dell’immunità nei confronti di Matteo Salvini, meno di quelli che – solo qualche mese fa – scelsero di proseguire la loro avventura sotto la leadership politica di Luigi Di Maio. Alla fine, però, anche il mandato zero entra a far parte del nuovo regolamento.

A leggere l’incipit dell’articolo del Blog delle Stelle con cui si dà l’annuncio dei risultati dei cinque quesiti proposti alla base sulla piattaforma Rousseau, i numeri sembrano essere diversi. Molto diversi: «Alle 13 di oggi venerdì 26 luglio si è chiusa la procedura di votazione da parte degli iscritti sulla nuova organizzazione del MoVimento 5 Stelle. Per i 5 quesiti sono state espresse in totale 123.755 preferenze». Ma quello è il numero totale dei voti espressi sommando le cinque domande. I votanti singoli, invece, sono stati molto meno.

C’è il mandato zero, ma a votare sono solo 25mila iscritti

E a dirlo, qualche riga sotto, è lo stesso Movimento 5 Stelle che mostra l’esito delle votazioni certificate dal notaio. L’introduzione del mandato zero per i consiglieri comunali ha raccolto le risposte di 25455 votanti: Il 68% (17307) ha detto sì, il restante 32% (8148) ha dato parere negativo. E questo è stato il quesito che ha raccolto la maggiore partecipazione all’interno della rete della piattaforma Rousseau. In 24804 hanno votato sulla nuova organizzazione regionale del M5S: 85,1% (21111) sì e 14,9% (3693) no.

La facile somma che racconta un’altra realtà

Ancora meno quelli che hanno partecipato al terzo quesito, quello che riguardava la candidatura durante il secondo mandato solo per i consiglieri comunali: 24759 votanti, di cui il 60,6% (15005) favorevoli e il 39,4% (9754) contrari. E il trend si conferma anche per le ultime due domande poste agli iscritti che hanno ricevuto rispettivamente 24364  (al quesito sulla nuova organizzazione nazionale) e 24373 risposte (al quesito sui rapporti con le liste civiche). Insomma il totale fa 123755, ma i singoli iscritti ad aver partecipato alle mozioni online, anche sul mandato zero, sono stati al massimo poco più di 25mila.

(foto di copertina: ANSA / CIRO FUSCO)