Il M5S pensa al voto online per far cadere il limite dei due mandati

di Redazione | 15/02/2019

due mandati
  • Non solo il divieto di alleanze, il Movimento 5 Stelle valuta se far cadere un altro vecchio tabù

  • Tra i grillini si pensa al voto online per far cadere il limite del doppio mandato

  • Le novità sarebbero valide per i consiglieri comunali e forse anche per i sindaci, non per parlamentari ed eurodeputati

La sconfitta alle Elezioni Regionali in Abruzzo ha aperto nel M5S un dibattito sull’opportunità di superare il divieto di alleanze ed aprire ad accordi con liste civiche. Ne ha parlato anche il capo politico Luigi Di Maio. Ma non si tratta dell’ultimo tabù che potrebbe cadere nei prossimi mesi. Come spiega oggi Repubblica (articolo di Annalisa Cuzzocrea) nel Movimento 5 Stelle si pensa anche ad abbandonare il limite dei due mandati. Il vincolo dovrebbe valere ancora solo per parlamentari, eurodeputati e consiglieri regionali, e cambiare per i consiglieri comunali, forse anche per i sindaci. Si valuta insomma se consentire a chi ha fatto due mandati nei comuni di candidarsi alle Elezioni Politiche o alle Europee.

M5S, possibile il voto online per far cadere il vincolo dei due mandati

Un simile cambiamento consentirebbe di scendere in campo ancora una volta a Chiara Appendino e Virginia Raggi, rispettivamente sindaco di Torino e di Roma, alle elezioni nazionali. Al contrario, permetterebbe a deputati e senatori dopo due legislature in Parlamento di candidarsi nei Comuni. Il presidente della Camera Roberto Fico, ad esempio, potrebbe candidarsi a sindaco di Napoli. Stando a quanto racconta Repubblica la modifica alla regola potrebbe avvenire con un voto online, stesso metodo che potrebbe essere utilizzato per superare le divisioni interne sul caso Diciotti e in particolare sul processo a Matteo Salvini.

(Foto di copertina da archivio Ansa: Luigi Di Maio, ministro di Sviluppo Economico e Lavoro, in aula della Camera dei Deputati durante un Question Time, il 13 febbraio 2019. Credit immagini: ANSA / FABIO FRUSTACI)