“Le perle degli omofobi”: le due ragazze che combattono l’odio del web

di Gaia Mellone | 02/12/2019

"Le perle degli omofobi": le due ragazze che combattono l'odio del web

Martina ed Erika sono due ragazze di poco più di vent’anni e sono innamorate. Come qualsiasi coppia di giovani, condividono foto insieme sui social network. Contro di loro però si scatenano puntualmente ondate di odio: insulti, attacchi, minacce. Ne ricevono di ogni tipo. Dopo il primo episodio, le due ragazze si sono rivolte ai media per denunciare l’omofobia che imperversa nella rete. Un astio che però non si è fermato, e si ripropone ad ogni post. Ecco allora che le due ragazze hanno deciso di ripagare gli hater con le stesse armi: nasce così “Le perle degli omofobi” la pagina Instagram per ridicolizzare i commenti che ricevono.

“Le perle degli omofobi”: le due ragazze che combattono l’odio del web

LEGGI ANCHE> Brindisi, la campagna degli studenti contro l’omofobia: #Siamotuttifroci

«Cos’è cambiato? il modo di reagire delle ragazze» si legge nel primo post della pagina Instagram creata da Martina ed Erika e che oggi conta più di 10mila follower. Il progetto nasce per mostrate a tutti la sgradevolezza quotidiana a cui sono sottoposte. «Hanno capito che non possono cancellare l’omofobia come se fosse un tratto di matita. Tuttavia, possono mostrare al mondo tutta la cattiveria che viene, giorno dopo giorno, rivolta a loro e a tutti gli omosessuali in generale. Possono mostrare l’ignoranza con la quale quest’ultimi si nutrono» si legge ancora nella descrizione del primo post pubblicato, che continua «E, perché no, possono anche farsi due risate su, ogni tanto. Sì… perché di piangere, non ne hanno più voglia».

Sotto le foto di Erika e Martina, in cui si baciano o si scambiano dolcezze, c’è chi le accusa di volere solo notorietà, chi si erge a santità condannandole a bruciare all’inferno, chi le paragona a sgualdrine (per usare toni ben più pacati). «Andassero a lavorare», «Non vedo l’ora di vedere il loro video su pornhub», «siete stomachevoli e volgari», «povere maiale, curatevi», «passere sprecate», «demoni». Sono solo alcuni dei commenti che le due ragazze hanno ripubblicato sulla pagina Instagram, dove davvero se ne vedono di tutti i colori.  Martina ed Erika però non vogliono alimentare l’odio sul web di cui sono vittime, e per questo oscurano in ogni post gli autori dei commenti denigratori e omofobi.

In molti le accusano di aver “approfittato” dell’odio altrui per diventare popolari e acquisire notorietà. C’è addirittura chi sostiene che l’omofobia non sia così diffusa: «Io rimango convinta che vivano di seghe mentali proprio» si legge in uno degli ultimi commenti postati, di un utente che ammette sì l’omofobia ma sostiene che non sia davvero così diffusa e siano i gay a «credere che il mondo giri intorno a loro». Ed è proprio per questo che dovrebbero cliccare l’opzione “segui” della pagina Instagram, per scoprire che la realtà, purtroppo è ben diversa.

(Credits immagine di copertina: Instagram leperledegliomofobi)

TAG: Omofobia