Hong Kong: il magnate dei media pro democrazia Jimmy Lai è stato arrestato

Jimmy Lai è un’icona della libertà di stampa nel territorio

di Marta Colombo | 11/08/2020

Apple Daily Hong Kong Polizia

Il 10 agosto, la polizia di Hong Kong ha arrestato Jimmy Lai, un magnate dei media pro democrazia e icona della libertà di stampa nel territorio. Lai, che da decenni critica apertamente il Partito comunista cinese, è accusato di aver violato la nuova legge di Sicurezza nazionale imposta da Pechino.

Centinaia di agenti di polizia hanno fatto irruzione nella redazione del quotidiano Apple Daily, uno dei giornali simbolo della resistenza contro la Cina, mentre i reporter filmavano il tutto live. Sono stati arrestati anche i suoi due figli, che non hanno alcun ruolo nell’impero mediatico di Lai, e quattro dirigenti della sua compagnia Next Digital.

LEGGI ANCHE >Sono italiano e vivo a Hong Kong da 26 anni: vi spiego tutti i luoghi comuni sulle proteste e sulla Cina

Gli arresti a Hong Kong e la risposta di Pechino alle nuove sanzioni

Ad oggi, Jimmy Lai è la figura più importante ad essere arrestata in seguito all’implementazione della legge di Sicurezza nazionale lo scorso luglio. A maggio, il magnate aveva scritto un pezzo di opinione per il New York Times in cui prevedeva il suo arresto.

«Ho sempre pensato che un giorno sarei stato arrestato per quello che pubblico e per la mia lotta alla democrazia a Hong Kong», scriveva Lai. «Ma non per alcuni tweet che a quanto pare minacciano la sicurezza nazionale della Cina. Mi sembra strano, anche per me. Hong Kong è una società libera, almeno per ora, ma dopo che la legge di Siurezza nazionale diventerà realtà, potremo dire solo quello che piace a Pechino».

Il 10 agosto, Pechino ha imposto nuove sanzioni contro 11 leader statunitensi, tra cui i repubblicani Marco Rubio e Ted Cruz, in risposra ai recenti provvedimenti degli Stati Uniti contro alcuni ufficiali di Hong Kong.

(Immagine di Copertina: Centinaia di agenti di polizia all’entrata degli uffici del quotidiano pro democrazia di Jimmy Lai a Hong Kong; foto dal profilo instagram di Apple Daily)

TAG: Hong Kong