Guerra in casa Spears, la sorella di Britney vuole il controllo del patrimonio

Jamie Lynn Spears vorrebbe amministrare al posto del padre la fortuna creata dalla sorella quando era una popstar di livello mondiale

di Redazione | 27/08/2020

Guerra in casa Spears

È guerra in casa Spears per il controllo del patrimonio di Britney, la cantante che nei primi anni 2000 ha venduto oltre 50 milioni di dischi. Pochi giorni fa infatti la sorella più giovane di Britney, Jamie Lynn, avebbe richiesto ufficialmente di gestire il patrimonio della sorella, dal 2008 sotto tutela finanziara a causa delle difficili condizioni di salute mentale della cantante.

LEGGI ANCHE > Britney Spears rompe il silenzio e dice la verità sul rehab

Padre contro la sorella, guerra in casa Spears

Jamie Lynn gestisce dal 2018 il patrimono immobiliare della sorella e adesso avrebbe chiesto di diventare custode del trust che gestisce i fondi di Britney. Una mossa che sembra seguire la volontà di Britney, che negli ultimi tempi ha chiesto più voltedi far gestire il proprio patrimonio da una fiduciaria invece che dal padre James, al quale lo scorso settembre è subentrata Jodi Pais Montgomery, che i i giudici hanno prorogato nel ruolo di tutore fino al 2021. Una decisione apprezzata da Britney, che avrebbe chiesto la nomina permanente della donna come responsabile del suo patrimonio al posto del padre. E proprio l’avvocato della popstar ha richiesto che la corte permetta a un fiduciario qualificato di presiedere il trust della cantante, del quale al momento il padre è l’unico responsabile. La cantante, il cui patrimonio in caso di morte andrebbe ai figli Sean Preston e Jayden James Federline, vuole in ogni modo evitare che il padre torni a controllare le sue finanze.

Il ruolo del padre nella guerra in casa Spears

Ma proprio James Spears ha chiesto che l’avvocato Andrew M. Wallet venga rinominato come co-tutore della figlia e del suo patrimonio, come già accaduto tra il 2009 e il 2019 nonostante proprio Wallet avesse dichiarato che le sue dimissioni erano necessarie per il bene di Britney. La cantante infatti ha accettato di cedere la gestione dei suoi affari pesonali e finanziari dopo un periodo particolarmente difficile a livello di salute mentale. L’idea era di far gestire i suoi affari ad altri mentre lei cercava di riprendersi per poter poi ricominciare a cantare. Adesso però Britney sembrerebbe intenzionata a dire addio a tempo indeterminato alle scene e per questo, secondo i suoi avvocati, “la gestione sotto tutela dela suo patrimoni deve essere modificata per riflettere il suo attuale stile di vita e i suoi desideri”.

(foto di copertina dal profilo Instagram di Britney Spears)