Golden Globe 2020: 1917 e tutti i vincitori con grandi sorprese

di Thomas Cardinali | 06/01/2020

Golden Globe 2020

La notte dei Golden Globe 2020 è giunta è questa notte sapremo quali sono i vincitori. La stagione dei premi è già iniziata con alcuni riconoscimenti minori, ma tutti sono concordi nel definire i Golden Globe come la vera anticamera degli Oscar nonostante i primi siano assegnati dalla stampa estera residente a Hollywood. Nella cerimonia condotta da Ricky Gervais la grande favorita è Netflix, che ha conquistato ben 34 nomination ed è favorito nella prestigiosa categoria miglior film drammatica  con “The Irishman” e “Storia di un matrimonio”.

Per quanto riguarda le commedie sembra scontata la vittoria di “C’era una volta a Hollywood”, con Quentin Tarantino favorito anche per la miglior regia. Due cast maestosi che vedono candidati come miglior attore Leonardo DiCaprio, mentre per il miglior attore non protagonista Brad Pitt deve vedersela con due mostri come Joe Pesci e Al Pacino. Nel frattempo grandi sorprese potrebbero  arrivare dal miglior film straniero, con Parasite che dovrebbe vincere anche diversi altri premi. Nel nostro speciale potete vedere tutte le nomination e le informazioni sulla cerimonia, in diretta su Sky Atlantic e Sky Tg 24.

Golden Globe 2020 tutti i vincitori

Miglior Film Drammatico

  • 1917
  • The Irishman
  • Storia di un matrimonio
  • Joker
  • I due papi

Miglior Film – Musical o Commedia

  • C’era una volta a… Hollywood
  • Dolemite Is My Name
  • Jojo Rabbit
  • Knives Out
  • Rocketman

Miglior Regista

  • Sam Mendes – 1917
  • Bong Joon-ho – Parasite
  • Todd Phillips – Joker
  • Martin Scorsese – The Irishman
  • Quentin Tarantino – C’era una volta a… Hollywood

Migliore Attrice in un film Drammatico

  • Renée Zellweger – Judy
    Cynthia Erivo – Harriet
  • Scarlett Johansson – Storia di un matrimonio
  • Saoirse Ronan – Piccole Donne
  • Charlize Theron – Bombshell

Migliore Attore in un film Drammatico

  • Joaquin Phoenix – Joker
    Christian Bale – Le Mans ’66 – La Grande Sfida
  • Antonio Banderas – Dolor y Gloria
  • Adam Driver – Storia di un matrimonio
  • Jonathan Pryce – I Due Papi

Migliore Attrice – Musical o Commedia

  • Awkwafina – The Farewell – Una bugia buona
    Ana de Armas – Cena con delitto 
  • Cate Blanchett – Che fine ha fatto Bernadette? 
  • Beanie Feldstein – Booksmart – La rivincita delle sfigate
  • Emma Thompson – Late Night

Migliore Attore – Musical o Commedia

  • Taron Egerton – Rocketman
    Daniel Craig – Cena con delitto
  • Roman Griffin Davis – Jojo Rabbit
  • Leonardo DiCaprio – C’era una volta a… Hollywood
  • Eddie Murphy – Dolemite Is My Name

Miglior Film di animazione

  • Missing Link
  • Frozen II – Il Segreto di Arendelle
  • Dragon Trainer – Il Mondo Nascosto
  • Il Re Leone
  • Toy Story 4

Miglior Film Straniero

  • Parasite
  • The Farewell – Una bugia buona
  • Les Misérables
  • Dolor y Gloria
  • Ritratto della giovane in fiamme

Migliore Attrice non Protagonista

  • Laura Dern – Storia di un Matrimonio
  • Kathy Bates – Richard Jewell
  • Annette Bening – The Report
  • Jennifer Lopez – Le ragazze di Wall Street – Business is Business
  • Margot Robbie – Bombshell

Migliore Attore non Protagonista 

  • Brad Pitt – C’era una volta a… Hollywood
    Tom Hanks – Un amico straordinario
  • Anthony Hopkins – I Due Papi
  • Al Pacino – The Irishman
  • Joe Pesci – The Irishman 

Miglior Sceneggiatura

  • Quentin Tarantino – C’era una volta a… Hollywood
  • Noah Baumbach – Storia di un matrimonio
  • Bong Joon-ho e Han Jin-won – Parasite
  • Anthony McCarten – I Due Papi
  • Steven Zaillian – The Irishman

Miglior Colonna Sonora Originale

  • Hildur Guðnadóttir – Joker
    Alexandre Desplat – Piccole Donne
  • Randy Newman – Storia di un matrimonio
  • Thomas Newman – 1917
  • Daniel Pemberton – Motherless Brooklyn

Miglior Canzone

  • I’m Gonna Love Me Again – Rocketman 
  • Beautiful Ghosts – Cats
  • Into the Unknown – Frozen II – Il Segreto di Arendelle
  • Spirit – Il re leone
  • Stand Up – Harriet

Miglior Serie TV – Dramma

  • Succession
  • Big Little Lies
  • The Crown
  • Killing Eve
  • The Morning Show

Miglior Serie TV – Musical o Commedia

  • Fleabag
  • Barry
  • Il Metodo Kominsky
  • La fantastica signora Maisel
  • The Politician

Migliore Attrice in una serie TV – Dramma 

  • Olivia Colman – The Crown
  • Jennifer Aniston – The Morning Show
  • Jodie Comer – Killing Eve
  • Nicole Kidman – Big Little Lies
  • Reese Witherspoon – The Morning Show

Migliore Attore in una serie TV – Dramma 

  • Brian Cox – Succession
  • Kit Harington – Il trono di spade
  • Rami Malek – Mr. Robot
  • Tobias Menzies – The Crown
  • Billy Porter – Pose 

Migliore Attrice in una serie TV – Musical o Commedia

  • Phoebe Waller-Bridge – Fleabag
  • Christina Applegate – Dead to Me
  • Rachel Brosnahan – La fantastica signora Maisel
  • Kirsten Dunst – On Becoming a God in Central Florida
  • Natasha Lyonne – Russian Doll

Migliore Attore in una serie TV – Musical o Commedia

  • Ramy Youssef – Ramy
  • Michael Douglas – Il Metodo Kominsky
  • Bill Hader – Barry
  • Ben Platt – The Politician
  • Paul Rudd – Living with Yourself

Miglior Mini-Serie o Film Televisivo 

  • Chernobyl
  • Catch-22
  • Fosse/Verdon
  • The Loudest Voice
  • Unbelievable

Migliore Attrice in una Mini-Serie o Film Televisivo

  • Michelle Williams – Fosse/Verdon
  • Kaitlyn Dever – Unbelievable
  • Joey King – The Act
  • Helen Mirren – Catherine the Great
  • Merritt Wever – Unbelievable

Migliore Attore in una Mini-Serie o Film Televisivo

  • Russel Crowe – The Loudest Voice
  • Christopher Abbott – Catch-22
  • Sacha Baron Cohen – The Spy
  • Jared Harris – Chernobyl
  • Sam Rockwell – Fosse/Verdon

Migliore Attrice non Protagonista in una Serie, Mini-Serie o Film Televisivo

  • Patricia Arquette – The Act
  • Helena Bonham Carter – The Crown
  • Toni Collette – Unbelievable
  • Meryl Streep – Big Little Lies
  • Emily Watson – Chernobyl

Migliore Attore non Protagonista in una Serie, Mini-Serie o Film Televisivo

  • Stellan Skarsgård – Chernobyl 
  • Alan Arkin – Il Metodo Kominsky 
  • Kieran Culkin – Succession
  • Henry Winkler – Barry
  • Andrew Scott – Fleabag

Rivivi  la cerimonia

Ore 5:08 – Sale per premiare il miglior film drama sul palco Sandra Bullock. Il Golden Globe va a sorpresa a 1917 di Sam Mendes che diventa il favorito per la corsa agli Oscar, clamorosamente a bocca asciutta The Irishman: “La difficoltà di fare questo film è stata immensa. Guardate questo film sul grande schermo, grazie al mio straordinario produttore”.

Ore 5:04 – Rami Malek sale sul palco e consegna il Golden Globe come miglior attrice in un drama a Renee Zewellger per la splendida interpretazione di Judy Garland nel biopic Judy: “Sono felice di vedervi 25 anni dopo “Devo ringraziare Judy, sono davvero onorata”.

Ore 4:57 – Il Golden Globe come miglior attore in un drama va a Joaquin Phoenix per la sua straordinaria prova in Joker. L’attore sembra quasi disinteressarsi del premio, sale senza sorriso e lo posa subito a terra facendo un toccante discorso entrando in modalità Joker come movenze e atteggiamento sull’Australia e i cambiamenti climatici.

Ore 4:47 – Will Farrell e Pierce Brosnan premiano il vincitore come miglior film e commedia musicale, il Golden Globe va a “C’era una volta a Hollywood” di Quentin Tarantino. Parla il produttore mentre Quentin abbraccia Margot e tiene il premio.

Ore 4:47 – Viene presentato il film I Due Papi candidato a quattro Golden Globe.

Ore 4:41 – Viene presentato “Storia di un matrimonio”, candidato a sei Golden Globe e vincitore per ora soltanto con Laura Dern.

Ore 4:38 – Vince a sorpresa il Golden Globe come miglior attrice in una commedia Awkwafina per The Farwell “Non ci credo, ho 24 anni e per me è un onore. Voglio ringraziare mia nonna che è qui con me. La regista mi ha dato la chance della vita e voglio ringraziarla. Voglio ringraziare mia madre che mi sta guardando da lassù, grazie mamma”.

Ore 4:34 – Chris Evans e Scarlett Johansson si riuniscono insieme sul palco per premiare il miglior attore in una commedia musicale. Vince il Golden Globe a sorpresa Taron Egerton per la sua interpretazione di Elton John in Rocketman battendo lo strafavorito Leonardo DiCaprio “Sono molto onorato di essere stato nominato e aver vinto per questo film incredibile. Questa è la miglior esperienza della mia vita, ho goduto ogni secondo e devo ringraziare per ogni secondo della mia vita il regista. Devo ringraziare chi ha lavorato con me, Elton sei una leggenda grazie per la musica e per la tua vita straordinaria. Grazie soprattutto di essere mio amico. Mamma questo premio è per te”.

Ore 4:27 – Arriva il Golden Globe per il miglior attore non protagonista, una delle categorie più combattute. Clamorosamente vince Brad Pitt sbaragliando la concorrenza di Al Pacino e Joe Pesci, applausi sportivi delle due leggende “Vincere davanti a questi nomi è incredibile. Avete il mio onore e il mio rispetto. Devo ringraziare Mr. Quentin Tarantino, una vera leggenda, per questa esperienza. Devo ringraziare il mio partner Leo. Tuttavia, avrei condiviso volentieri la zattera con te – citando il finale di Titanic – Questo film è davvero il migliore che abbia fatto”.

Ore 4:24 – Arrivano sul palco una meravigliosa Jennifer Lopez e Paul Rud per premiare la miglior colonna sonora. Vince a sorpresa alla sua prima nomination in carriera  Hildur Gudnadottir per il film Joker, prima vittoria per il Leone d’Oro all’ultima mostra di Venezia.

Ore 4:23 – Viene presentato  sul palco Dolomite is my Name candidato a due Golden Globes, tra cui miglior attore in una commedia ad Eddie Murphy.

Ore 4:17 – La miglior serie limitata per i Golden Globe è Chernobyl com’era ampiamente annunciato. Discorso di accettazione che non tocca il recente problema del nucleare in Iran come ci si poteva aspettare “Grazie a HBO, Sky Atlantic, Villinius e Kiev. Questa catastrofe ha distrutto milioni di persone”.

Ore 4:12 – A sorpresa Michelle Williams vince il Golden Globes come miglior attrice in una mini serie per la sua prova in Fosse/ Verdon battendo la favorita Helen Mirren: “Quando prendi un premio come questo in mano ripensi ad ogni momento della tua carriera e ad ogni scelta. Le donne devono avere il diritto di scegliere quando avere un bambino e di avere il supporto di cui hanno bisogno per non rinunciare a nulla. Io sono libera, donne non dimenticate di esserlo”. Tutti i presenti applaudono e molte donne si commuovono dopo questo discorso.

Ore 4:09 – Cate Blanchett sale sul palco e cita gli incendi in Australia per mandare un abbraccio ai volontari che stanno lottando contro il disastro. Dopo di che presenta un altro candidato molto atteso, Joker con protagonista Joaquin Phoenix diretto da Todd Phillips.

Ore 4:02 – Arrivano Antonio Banderas e Helen Mirren a premiare il miglior regista dopo una frecciatina di Ricky Gervais per l’assenza di registe donne. Clamorosamente vince il Golden Globe Sam Mendes per il suo war movie 1917 battendo una concorrenza foltissima e rende onore a Scorsese “Non c’è nessun regista qui dentro e nel mondo che non stia all’ombra di Martin Scorsese. Ringrazio la HFR e la produzione, voglio dedicare questo film a mia moglie e a mio padre”.

Ore 3:47 – La meravigliosa Charlize Theron sale sul palco per premiare Tom Hanks con il Golden Globes alla carriera ricordando “Splash” come uno dei suoi film preferiti “Lui rappresenta la visione di ciò che dovremmo essere. Lui rende il mondo un posto migliore” e ricorda un aneddoto su un loro momento insieme in cui 5’ le hanno cambiato la vita professionale. L’attore due volte premio Oscar sale sul palco visibilmente emozionato per le belle parole, tutti sono in piedi ad applaudire una vera leggenda del cinema. Tom Hanks legge un discorso preparato su un foglietto: “Ho cinque ragazzi che amo e una moglie che amo qui davanti a me”, dice con la voce rotta dalla commozione fermandosi mentre ripercorre la sua carriera facendo commuovere anche Charlize. L’attore cita anche Lina Wertmuller come esempio di come si fa un film e poi ricorda:  “Nel 1977 ho ottenuto il mio primo lavoro recitando Shakespeare, quella che imparai li fu una delle lezioni più importanti della mia vita. L’obiettivo della camera è ancora buono”.

Ore 3:40 – La regina dopo l’Oscar con La Favorita dello scorso anno vince anche il Golden Globe, applausi per Olivia Colman premiata come miglior attrice in una serie drama  per The Crown. Discorso molto molto emozionato “Sono molto eccitata di guardare tutti voi e ringrazio tutti”.

Ore 3:37 – Jason Momoa premia come miglior attrice non protagonista in una mini serie Patricia Arquette per The Act battendo la favorita Meryl Streep. Il suo discorso è politico contro Trump “Ha annunciato di voler colpire 52 siti mettendo a rischio vite umane, il mio pensiero va a loro e all’Australia”.

Ore 3:31 – Sacha Baron Cohen sale sul palco e scherza prima su The Social Network e poi presenta JoJo Rabbit di Taika Waiti, candidato a due Golden Globe.

Ore 3:28 – Tutti in piedi per la vittoria di Rocketman per la miglior canzone originale, sul palco Sir Elton John che batte le colleghe Taylor Swift e Beyoncé. La pop star candidata per “Spirit” sorride però con grande sportività e applaude la leggenda britannica “È stato davvero emozionante fare un film sulla mia vita, devo ringraziare tutti e la Paramount”.

Ore 3:21 – Nick Jonas e la  fidanzata Pryanka Chopra salgono sul palco per premiare la miglior serie comedy, il Golden Globe va come previsto a Fleabag che si conferma come la rivelazione dell’anno. Parla di nuovo la protagonista che ha già vinto come miglior attrice che sottolinea “Grazie ad Amazon per aver prodotto questa serie”.

Ore 3:18 –  Gwyneth Paltrow sale sul palco e premia Laura Dern come miglior attrice non protagonista per il suo ruolo in “Storia di Un Matrimonio” che ringrazia il cast, tutti quelli che hanno lavorato con lei e Netflix per aver permesso di realizzare questo film.

Ore 3:17 – Brad Pitt e Leonardo DiCaprio salgono sul palco insieme per presentare “C’era una volta a Hollywood” candidato a 5 Golden Globe.

Ore 3:09 – Taylor Swift sale sul palco per consegnare il Golden Globe al miglior film d’animazione. Categoria ricchissima di candidati, ma vince a sorpresa Missing Link battendo colossi come Frozen 2 e Toy Story 4. Il film non è Disney ed è diretto da Chris Butler, che ha utilizzato la tecnica della stop motion.

Ore 3:06 – Margot Robbie illumina il palco al fianco i Ewan McGregor e premia per la miglior sceneggiatura Quentin Tarantino per “C’era una volta Hollywood”. Iniziano ad arrivare i premi per uno dei grandi favoriti della notte “Incredibile ho battuto Steve Zaillian (candidato per a The Irishman ndr). Mai come questa volta ho avuto un cast fantastico, mia moglie ci sta guardando in televisione quindi grazie anche a lei”.

Ore 3:03 – Brian Cox sbaraglia la concorrenza e vince il Golden Globe come miglior attore in una serie drammatica per Succession, che ha già vinto come miglior serie e si conferma mattatore della serata per il piccolo schermo “Chiedo scusa a chi era candidato con me, sono 60 anni che aspettavo. Devo dire grazie allo straordinario team della serie. Grazie anche alla mia famiglia e alla mia dolcissima moglie”.

Ore 3:00 – Salgono sul palco un elegantissimo Daniel Craig e una meravigliosa Ana De Armas per presentare “Cena con Delitto”‘nominato a tre Golden Globe.

Ore 2:46 – Sale sul palco Kate McKinnon che premia Ellen Degeneres con il premio alla carriera Carol Burnett Award per il suo impegno per i diritti degli LGBT. Standing ovation e tutti in piedi per lei: “Voglio dire all’Australia che la amo e amo i suoi animali. Ringrazio la HFR per questo prestigioso premio, ma ringrazio anche il mio amore Mark perché è la mia roccia e mi supporta ogni giorno”, risate generali e tanti applausi. L’attrice continua ringraziando Caroll Burnett perché a suo dire l’ha aiutata a dire “Sono gay anche io”, e continua “Spero che la gente che guarda il mio show possa sentirsi ispirata perché questo è il potere della televisione”.

Ore 2:44 – Pierce Brosnan, ex James Bond, sale sul palco con i suoi figli per parlare della sua fondazione  e lancia un appello all’Australia di essere forte dopo i terribili incendi già citati.

Ore 2:37 – Sienna Miller e Kit Harington consegnano l’atteso Golden Globe per il miglior film straniero a Parasite di Bong Joon-Ho, che parla in coreano sul palco in un momento molto simpatico.

Ore 2:34 – Phoebe Waller-Bridge vince un meritatissimo Golden Globe in una serie comedy per il suo ruolo in Fleabag, che è stata eletta da Metacritic come la serie migliore dell’anno in assoluto “Ringrazio Andrew Scott per la meravigliosa chimica sul set, ringrazio il regista Tony Miller e tutti per questo premio straordinario”.

Ore 2:33 – Harvey Keitel sale sul palco per presentare The Irishman, in cui ha recitato anche lui. Il film di Scorsese è il grande favorito questa notte.

Ore 2:31 Il presidente della Hollywood Foreign Press Association Lorenzo Soria dà il benvenuto a tutti gli artisti presenti

Ore 2:24 – Si comincia a fare sul serio e Succession vince l’ambito Golden Globe per la miglior serie drama battendo a sorpresa Big Little Lies, altro show HBO. Netflix e The Crown restano a mani vuote.

Ore 2:22 – Stellan Skarsgard vince il Golden Globe come miglior attore non protagonista per il suo fantastico ruolo in Chernobyl, la serie rilevazione dell’anno e ricorda un aneddoto “Il regista mi disse che aveva visto molti film con me, ma non ricordava la mia faccia”, tante risate.

Ore 2:20 – Dopo la pubblicità Elton John in persona presenta il film nominato Rocketman, biopic sulla sua vita che vanta tre nomination.

Ore 2:14 – Annette Boening presenta il primo film candidato, è il war movie 1917 di Sam Mendes.

Ore 2:13 – Russell Crowe vince il Golden Globe come miglior attore in una mini serie, ma non può ritirarlo perché è in Australia per proteggere la sua famiglia dal terribile incendio che la sta devastando. L’attore ha mandato un dolcissimo messaggio letto da Jennifer Aniston.

Ore 2:10 – Jennifer Aniston e Reese Whiterspoon premiano Ramy Youssef per Ramy come miglior attore in una serie comedy.

Ore 1:56 – Inizia la diretta dal teatro con Ricky Gervais nel tradizionale monologo comico d’apertura.

Ore 1:50 – Helen Mirren e Charlize Theron, due bellezze eterne ai Golden Globe. C’è anche il gigante Jason Momoa.

Ore 1:45 – Sempre più bellezza sul red carpet con una regina sullo schermo Olivia Colman, con tanto di Tobias Menzies al suo fianco, e una dea come Jennifer Lopez. Meravigliosa anche Emilia Clarke col suo sorriso, molto grazioso anche l’abito di Emma Stone. Intanto arrivano e scherzano anche Joaquin Phoenix e Taron Egerton.

Ore 1:42 – Arriva il favorito per il miglior straniero con Parasite, sul red carpet c’è il regista Bong Joon-ho.

Ore 1:38 – Continuano ad arrivare le star sul tappeto rosso. È il turno dei candidati ai Golden Globe di “Storia di un matrimonio” Scarlett Johansson e Adam Driver, ma anche della coppia nata sul set di Game of Thrones con il nominato Kit Harington e sua moglie Rose Leslie. Taylor Swift intanto entra dal retro.

Ore 1:33 – Arriva anche la sempre fantastica Jennifer Aniston con un vestito nero, mentre Leonardo DiCaprio raggiunge il collega di set Brad Pitt con un perfetto smoking. Con loro arriva anche Quentin Tarantino, grande favorito come regista questa notte.

 

Ore 1:25 – Arrivano sul red carpet tantissime star tra le più attese della notte dei Golden Globe. Ecco le meravigliose Margot Robbie, Ana De Armas e Soirse Ronan, tutte e tre candidate, ma anche Brad Pitt, Chris Hemsworth tra i primi a sfilare sul tappeto rosso.