Giuseppe Conte: «Non riesco ad arginare Di Maio e Salvini sulla Francia»

di Enzo Boldi | 08/02/2019

Giuseppe Conte
  • Il Quirinale chiede al presidente del Consiglio di riappacificarsi con la Francia

  • Il premier Giuseppe Conte, però, non riesce ad arginare Salvini e Di Maio

  • Il tatticismo elettorale di Lega e M5S sembra avere la meglio sui rapporti internazionali

‘Può uno scoglio arginare il mare’, diceva Lucio Battisti nella sua ‘Io vorrei, non vorrei, ma se vuoi’. Sicuramente, però, il ‘lavoro’ di un masso in mezzo alla marea sembra essere meno difficile di quello che dovrà – vorrà o potrà – fare il Giuseppe Conte per tentare di ripristinare i rapporti con la Francia dopo i recenti attacchi di Lega e Movimento 5 Stelle contro il governo Macron. Un compito arduo che il presidente del Consiglio sembra non riuscire ad attuare, nonostante il pressing del Quirinale che sta cercando di trovare una via per risolvere l’impasse che ha portato al richiamo dell’ambasciatore francese a Roma di giovedì pomeriggio.

LEGGI ANCHE > Di Maio non si pente: «Il mio incontro con i Gilet gialli è legittimo, sono europeista»

«Cercherò di incontrare Salvini e Di Maio per provare a mettere ordine in vista della campagna per le elezioni Europee. Ma la verità è che non riesco ad arginarli». Questa è la ricostruzione fornita da Repubblica (e da altri quotidiani) delle difficoltà che lo staff di Giuseppe Conte fa emergere, mentre il premier è impegnato in Libano. Un discorso che fa il paio con l’audio ‘rubato’ del suo colloquio privato con Angela Merkel, nel quale il presidente del Consiglio italiano aveva ammesso alla cancelliera tedesca che l’attacco sistematico alla Francia e a Macron fosse una tattica remunerativa a livello elettorale.

L’alta marea di Lega e M5S per un pugno di voti in più

E così è stato per la polemica (sterile e con la notizia di fondo già smentita da anni) sul colonialismo e il franco CFA, per la gestione dei migranti al confine tra i due Paesi, per la gendarmeria transalpina che sale a bordo dei treni italiani (ovviamente su territorio d’Oltralpe) per fare controlli che portano a grandi ritardi nei viaggi. Fino ad arrivare all’incontro di Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista con la fazione meno politica dei gilet gialli. Goccia su goccia, il vaso francese si è riempito e ha provocato il richiamo dell’ambasciatore a Quai d’Orsay per le consultazioni sul comportamento del governo italiano contro la Francia. Come non accadeva dal 1940, quando Benito Mussolini dichiarò guerra ai transalpini.

Nel frattempo dalla Francia spiegano come non si sia trattato di «un richiamo permanente, ma era importante mandare un messaggio». Lo ha dichiarato ai microfoni di Europe 1 il portavoce del governo francese, Benjamin Gruveaux, all’indomani della decisione del ministero degli Esteri di Parigi di richiamare l’ambasciatore a Roma, Christian Masset, per consultazioni.

Il silenzio assordante di Giuseppe Conte sulla questione francese

Come riporta Il Messaggero, la Farnesina è in profondo imbarazzo per quel che è successo e sta succedendo, soprattutto per una mancata presa di posizione di chi dovrebbe essere la ‘sintesi’ – come spesso ama definirsi lui stesso – delle due anime di questa maggioranza eterogenea. Giuseppe Conte sembra non riuscire ad arginare la fame e la foga elettorale dei due leader di Lega e M5S che, per un pugno di voti in più, hanno scelto il nemico da attaccare senza pensare alle conseguenze. Non è il 1940, ma l’assenza di risposte – nonostante le sollecitazioni – è uno dei punti più bassi dei rapporti internazionali dell’Italia dalla Seconda Guerra Mondiale a oggi.

(foto di copertina: ANSA/ UFFICIO STAMPA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO – FILIPPO ATTILI)